In arrivo su Telegram una funzione anti-Clubhouse: i “canali-gruppi”

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Telegram diventerà l’anti-Clubhouse? Alcune righe di codice riferite a quello che si suppone sarà il prossimo aggiornamento dell’applicazione rimandano all’introduzione di “gruppi broadcast“, ossia gruppi che riuniscono le stesse funzionalità dei canali e dei Supergruppi. La loro funzione sarebbe naturalmente la “cattura” nella propria rete di quanti cercano oggi un’alternativa a Clubhouse per Android, desiderio ancora oggi insoddisfatto.

Siete pronti per scoprire come farà Telegram a diventare l’alternativa a Clubhouse per Android?

PS: sapevi che abbiamo un canale Telegram? Vienici a trovare su @appelmoladg , o vieni a fare due chiacchere con noi sul gruppo ufficiale @appelmeggiando – ti aspettiamo lì, se ti va!

I GRUPPI BROADCAST IN ARRIVO SU TELEGRAM, MA NON PER TUTTI

Clubhouse è il fenomeno social del momento: un social network all’interno del quale conversare con persone che condividono gli interessi, per ascoltare personalità autorevoli e influenti in un certo settore che altrimenti non avrebbero mai modo di venire in contatto, o semplicemente per trascorrere il tempo in modo diverso dal solito. Si può solo parlare: non c’è né testo né registrazioni delle conversazioni, che sono rigorosamente pubbliche e che, una volta terminate, non sono più recuperabili.

L’applicazione è il nuovo Santo Graal di molti guru della tecnologia della Silicon Valley; oltre alla novità del formato, Clubhouse deve la sua enorme popolarità all’eccentrico miliardario Elon Musk, che nel giro di poche sessioni audio ha portato Clubhouse sulla prima pagina di altri social network, radio e quotidiani. Il successo ha però colto l’app di sorpresa: Clubhouse è infatti ancora privo di un’app per Android, mentre su iOS l’accesso è ancora a invito – in altre parole, per potersi registrare è necessario che un utente membro della piattaforma vi procuri un codice d’iscrizione.

La differenza tra domanda e offerta lascia quindi spazio ad altri concorrenti: Facebook e Twitter in particolare. Il social di Zuckerberg starebbe già sviluppando un clone di Clubhouse, la cui versione made-in-Twitter (chiamata “Spaces”, come un vecchio e defunto social network di Google) dovrebbe invece fare a breve il suo debutto. Sarà però Telegram a battere tutti sul tempo?

Una delle stringhe di trovate nella piattaforma di Telegram dedicata alle traduzioni di nuove funzioni

Tra le stringhe di traduzione ancora non pubblicate su Telegram è infatti possibile rintracciare diverse menzioni a una funzione denominata “Broadcast Group: di che cosa si tratta?

Si tratterebbero di gruppi “speciali“, in possesso di determinate caratteristiche:

  • hanno un numero infinito di membri;
  • solo gli amministratori possono pubblicare contenuti;
  • possono essere creati solo convertendo un Supergruppo normale in un “Broadcast Group.

Dalle righe di traduzione si evince infatti che i Broadcast Group non sono gruppi per tutti gli utenti, ma (solo? anche?) per quegli amministratori che hanno raggiunto il limite massimo di membri consentito ai Supergruppi. Non sappiamo se si tratti di un requisito obbligatorio o di un’opzione – noi speriamo nella seconda: dato che i Supergruppi hanno una soglia massima di 200mila membri, escludere dall’uso dei Broadcast Group tutti i gruppi più piccoli di tale limite restringerebbe il loro uso a un bacino d’utenza estremamente ridotto.

La conversione da Supergruppo a Broadcast Group è irreversibile – non una novità, dato che lo è anche la conversione da gruppo a Supergruppo; in questo caso però i cambiamenti sono radicali: i Broadcast Group limitano per sempre agli amministratori la possibilità di scrivere messaggi nella chat del gruppo. A quel punto, proprio come nei canali, gli amministratori potranno silenziare o notificare tutti i membri della pubblicazione di un nuovo post – unica novità di questa funzione, apparentemente uguale a un normale Supergruppo a cui hanno eliminato i permessi di pubblicazione per tutti i membri (opzione tra l’altro reversibile).

Ma come farebbe Telegram a diventare l’anti-Clubhouse con l’introduzione dei Broadcast Group? Semplice: mettendo a buon uso i gruppi vocali già visti nell’aggiornamento a Telegram 7.3. I gruppi vocali sono esattamente la versione made-in-Telegram di Clubhouse: una chat vocale a cui possono partecipare tutti i membri di un Supergruppo Telegram. I Broadcast Group così non sarebbero altro che l’affermazione del desiderio da parte di Telegram di raccogliere nella sua piattaforma i membri di Clubhouse, “orfani” di una sua versione per Android o alla ricerca di un’alternativa di più ampio respiro. I gruppi vocali hanno però una sola vulnerabilità, che nemmeno i Broadcast Group risolverebbero: non c’è modo, da parte degli ascoltatori, di “alzare la mano” e chiedere la parola. Speriamo che nelle prossime settimane venga inclusa una funzione simile.

Tra le novità del prossimo aggiornamento ci dovrebbero essere (ma non è confermato, quindi vi invitiamo a prendere con le pinze queste informazioni) anche una modalità di autodistruzione dei messaggi nei gruppi, la possibilità di creare link di invito temporanei e/o sottoforma di codici QR personalizzati, nonché di impostare suoni differenti per le notifiche di ogni chat. A parte l’ultima novità, le altre funzioni potranno tornare utili anche agli utilizzatori di Telegram in funzione anti-Clubhouse.

Voi cosa ne pensate? Parlatene con noi nel nostro gruppo Telegram @appelmeggiando!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter e sul nostro canale Telegram! Grazie mille!

Via TGInfo
Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//