Cosa sapere su Showbox, il malware che distribuisce film e serie TV pirata

Ci sono certe volte che gli sviluppatori di malware, non potendo ricorrere ai più tradizionali metodi di distribuzione dei malware, diventano creativi: è il caso del nuovo trojan Android Showbox, così denominato non tanto per la sua designazione tecnica quanto piuttosto per il travestimento adottato – l’app Showbox, utilizzata per la visione di film pirata. L’app è stata distribuita in varie versioni all’interno del Samsung Galaxy Store, market di app distribuito su tutti gli smartphone Samsung in aggiunta al Play Store.

Siete pronti per scoprire quello che occorre sapere su Showbox, il malware che sta trovando sempre più spazio su Android?

Che cos'è Showbox

Showbox – o, per meglio dire, il malware che si maschera quale app Showbox – parrebbe essere un trojan modulare, ossia un’app che si intrufola nei dispositivi adottando un travestimento, e che per funzionare ha bisogno di file aggiuntivi, che vengono scaricati dopo che l’app è stata installata.

L’app infetta è stata per la prima volta identificata dalla redazione della rivista online Androidpolice.com, che ha scoperto non solo una, ma diverse applicazioni corrispondenti alla medesima descrizione e che avevano adottato lo stesso mascheramento.

Come specificato dall’analisi tecnica condotta dalla rivista, l’applicazione non è di per sé pericolosa – di conseguenza non è possibile dire che Samsung stia avvallando la distribuzione di malware. È anche vero che l’app viene segnalata dalla suite antivirus del Play Store (il market di app di Google), Google Play Protect, quale “malware”; e così anche dal tool online messo a disposizione da Virus Total, che confronta la cifratura del file .apk dell’applicazione con i database di numerosi antivirus, ricevendo una segnalazione positiva da una ventina di questi.

Come Showbox attacca gli smartphone degli utenti

La procedura di attacco di Showbox è piuttosto semplice. Il malware, che evidentemente non dispone di un sistema di mascheramento adeguato per sorpassare le difese del Play Store (come spiegato nella scheda precedente), ha optato per la distribuzione attraverso di uno dei più diffusi market secondari di app Android, il Samsung Galaxy Store. Quest’ultimo viene installato di default su tutti i dispositivi Samsung, i cui numeri nel mondo si aggirano nell’ordine dei miliardi – capirete bene dunque le potenzialità di un simile pericolo.

Il malware ha utilizzato come mascheramento un’app popolare tra chi guarda contenuti pirata, come serie TV e film, chiamata Showbox. Benché Showbox non si fosse mai promossa come un’applicazione per la visualizzazione di contenuti illegali, la sua descrizione comunque menzionava l’accesso a un “database di film” con VPN connessa… è facile intuire con quali finalità. Allo stesso modo vengono promosse quelle app che sono distribuite online, così come quelle presenti sul Galaxy Store.

L’app Showbox che prendiamo in considerazione in questo articolo non è nemmeno originale, bensì un clone: sul Galaxy Store se ne trovano diverse, tutte fasulle. Stando infatti al subreddit ufficiale di Showbox, l’applicazione non è più in circolazione da due anni almeno, e che tutti i siti web che dichiarano di distribuirla sono fasulli, o quantomeno non affiliati agli sviluppatori originali.

L’applicazione, come già specificato, non è un malware di per sé, ma per sua struttura permette il download di pacchetti d’installazione che, potenzialmente, potrebbero essere virus; per questo motivo sia la suite di Virus Total che Google Play Protect ne segnalano la natura maligna. Come sostiene lo sviluppatore e analista linuxct, ci sono ben pochi scopi per cui una natura del genere possa essere legittima, per cui è bene diffidarne. Almeno altre due app “Showbox” sono state segnalate allo stesso modo dalle analisi condotte da Android Police.

Come difendersi da Showbox

Non è noto sapere quante volte l’applicazione sia stata scaricata, in quanto il Galaxy Store non integra un indicatore numerico del numero di download delle app, come sul Play Store; tuttavia sono presenti migliaia di recensioni, alcune delle quali segnalano le indicazioni della natura maligna dell’app da parte del Google Play Protect.

Il nostro suggerimento, ovviamente, è di non scaricare l’app in questione; il Galaxy Store, benché sia gestito da uno dei più grandi produttori di smartphone, non dispone delle stesse garanzie in materia di sicurezza del Play Store che vi consigliamo di utilizzare quale principale fonte di reperimento di applicazioni. Se proprio volete farne uso, date sempre un’occhiata alle recensioni prima di scaricare un’app sospetta, così da ricevere i benefici dell’avvertimento di chi, prima di voi, ha compiuto l’errore di scaricarla.

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a myjob@appelmo.com, e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter e sul nostro canale Telegram! Grazie mille!

Malware AndroidSamsung Galaxy StoreShowbox
Commenti (0)
Aggiungi commento