Come fare un deepfake, o come mettere la faccia su un video o una foto – Le piccole guide di AppElmo

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Nella cultura popolare, deepfake è un termine che possiede una connotazione generalmente negativa – nei casi in cui la parola stessa viene riconosciuta. La spiegazione di questo atteggiamento è dovuta alla particolare situazione statunitense, dove video i video deepfake – più diffusi che in Italia – hanno causato problemi in più occasioni a causa dell’uso dei video manipolati in contesti di propaganda politica e destabilizzazione sociale. Fortunatamente, non si trattano delle finalità di questa Piccola Guida: nei prossimi passaggi vi spiegheremo come fare un deepfake, sia in foto che in video – in altre parole, vi illustreremo come mettere la faccia in un video (o in una foto) o in una foto, anche se il volto in questione non è il vostro.

Siete pronti per scoprire come fare un deepfake?

PASSO 0: COMPRENDERE LE PRIVACY POLICY – COME FARE UN DEEPFAKE

Prima che vi andiamo a spiegare come mettere la faccia in un video o in una immagine, è bene chiarire alcuni (comprensibili) timori in materia di privacy e trattamento dei dati personali. Le applicazioni il cui funzionamento vi andremo ad illustrare possiedono due privacy policy chiaramente leggibili sui rispettivi siti web – QUI per Reflect, QUI per Doublicat; per quanto prodotte dalla medesima compagnia, NeoCortext Inc., adottano approcci leggermente differenti al trattamento dei dati personali.

Se non vi interessa, potete scorrere sino al Passo 1 della Piccola Guida.

Ovviamente, ciò che più vi interesserà sapere è quali dati personali queste due applicazioni collezionano, se faranno un utilizzo diverso del vostro selfie dopo che avrete imparato come mettere la faccia in un video con la loro app, e così via. Al paragrafo 1 della privacy policy di Reflect e Doublicat si specifica che informazioni personali come fotografie ed altre immagini caricate sulle applicazioni, così come altri identificatori utilizzati durante l’utilizzo dei suoi servizi (indirizzo IP, identificativi univoci del dispositivo, browser in uso…) vengono collezionate, i secondi più in particolare tramite Google Analytics. Oltre ovviamente ai cookie, come ogni altro sito web. Doublicat inoltre incamera anche “lineamenti facciali” i quali, si specifica, non contengono però dati biometrici sensibili. In un intervento sul sito The Next Web, la compagnia sostiene che:

L’applicazione processa le immagini delle persone e le cancella subito dopo. Noi archiviamo solo ricostruzioni del volto – rappresentazioni vettoriali di lineamenti facciali – che non condividiamo con nessun altro.

Ad ogni modo, l’utilizzo dei dati è presto detto: analisi sulle modalità d’uso delle applicazioni, sulle feature più apprezzate, risoluzione di bug e così via (trovate tutto nel paragrafo #2 delle privacy policy: “How we use informations”). E le stesse cose vengono ripetute in entrambi i documenti per ciò che concerne la condivisione di queste informazioni: ne potrebbero avere accesso i dipendenti della compagnia, così come contractor esterni all’azienda e altri servizi, piattaforme o organizzazioni, compresi i tool per lo sviluppo e l’analisi dei bug Firebase di Google, Sentry, Amplitude e AppsFlyer; il tutto nel rispetto delle regole per la privacy dei dati personali imposte dal Privacy Shield, lo “scudo per la privacystabilito dalla Commissione Europea con il governo statunitense – NeoCortext, Inc è registrata in Delaware, USA – così come le altre disposizioni “conformi con le leggi europee sulla protezione dei dati” – NeoCortext, Inc ha sede a Kiev, in Ucraina, secondo la relativa pagina LinkedIn.

Un po’ meno chiare le regole di Reflect in materia di tempistiche sulla conservazione dei dati personali: l’app sostiene che saranno conservati per quel tempo necessario ai propositi per i quali i dati vengono processati, ma non viene fatta alcuna specifica in merito.

Più chiara invece la privacy policy di Doublicat: le foto utilizzate per mettere la faccia in un video sono mantenute sino ad un massimo di 24 ore dopo la fine della sessione di editing, ma generalmente vengono cancellate subito dopo; vengono poi archiviate nella memoria locale del telefono per questioni di comodità (ossia, per evitare di scattare un nuovo selfie ogni volta che si desidera fare un video deepfake). I lineamenti facciali vengono archiviati sino a 30 giorni dall’ultimo utilizzo dell’app, mentre i dati anonimizzati o aggreggati sono conservati per quanto sarà necessario a Doublicat per adempiere agli scopi specificati nella privacy policy.

Ora che avete capito la situazione, andiamo a capire come mettere la faccia in un video o una foto, e iniziare così a fare i deepfake che vogliamo (meme, più che altro).

PASSO 1: SCARICARE REFLECT – COME FARE UN DEEPFAKE IN UNA FOTO

Reflect su Google Play

Prima di tutto, vedremo come fare un deepfake all’interno di un’immagine attraverso l’app Reflect. Pertanto, potete scaricarla dal Play Store cliccando QUI.

PASSO 2: CARICARE O SCEGLIERE UN’IMMAGINE DI TEMPLATE – COME FARE UN DEEPFAKE IN UNA FOTO

L’app Reflect consente di mettere la faccia su una foto, sia caricata dalla propria galleria sia prelevata dalle immagini disponibili all’interno della galleria dell’applicazione. È possibile utilizzare:

  • sia un template, ossia un’immagine di base, prelevata dal proprio telefono e un volto preso da quelli disponibili nell’app Reflect (personaggi famosi della politica e dello spettacolo, principalmente);
  • sia un template caricato dalla memoria del telefono e il proprio volto;
  • sia un volto e un template personalizzato, sia un volto ed un template forniti dall’app.

I template disponibili sono principalmente meme o foto pubbliche di personaggi famosi.

È possibile utilizzare certe parole chiave per ricercare quello che si desidera (attraverso la barra “Ricerca su Internet” presente nella sezione “Galleria“) oppure, appunto, caricare quello che si preferisce utilizzando il bottone nella parte centrale della barra inferiore. In ogni caso, l’app utilizzerà la tecnologia RefaceAI per identificare e modificare il volto del template.

PASSO 3: METTERE LA FACCIA SULLA FOTO – COME FARE UN DEEPFAKE IN UNA FOTO

Dopo aver selezionato o caricato un template, occorrerà selezionare o caricare anche un volto da imprimere sull’immagine di base.

Nella schermata “Seleziona il viso“, dovrete cliccare sul riquadro posto intorno al volto, una volta che l’algoritmo l’avrà identificato; in questo modo si aprirà una scheda nella quale sono visualizzati sia i volti di personaggi famosi liberamente utilizzabili, sia un pulsante azzurro (posto sul lato sinistro della schermata, in alto) che, se cliccato, aprirà la galleria del telefono. Scegliete l’immagine che volete, e lasciate che l’algoritmo la processi alla ricerca di uno o più volti utilizzabili ai nostri fini – se ci riuscirà, verranno elencati nella sezione “Visi“. Cliccate su quello che preferite.

A questo punto sarete re-indirizzati alla schermata precedente, con il volto selezionato apposto sul viso che andrà a “sostituire“. Qualora il procedimento non fosse partito da solo, cliccate sul pulsante “Sostituisci.

Potrete a questo punto valutare il risultato utilizzando il cursore, che potrete scorrere da destra a sinistra per applicare o rimuovere l’effetto deepfake creato. Per utilizzare le funzioni presenti nella barra sottostante, come “Crea meme” o “Elimina la filigrana“, dovreste acquistare la versione Pro, al prezzo di 2,79€ al mese o 27,99€ per un anno – potete come no, a seconda delle vostre esigenze. Limitiamoci per ora a cliccare su “Condividi e salva” > “Salva nella galleria” per concludere il processo di creazione della foto deepfake.

PASSO 1: SCARICARE DOUBLICAT – COME FARE UN DEEPFAKE IN UN VIDEO

Doublicat su Google Play

Passiamo ora ai video. Per scoprire come mettere la faccia in un video, dovremo usare l’app Doublicatche potete scaricare QUI.

PASSO 2: SCEGLIERE UN VIDEO – COME FARE UN DEEPFAKE IN UN VIDEO

Così come Reflect, anche Doublicat vi chiederà di accettare la propria privacy policy prima di mettere la faccia in un video qualsiasi. Accettate i punti richiesti per procedere.

A questo punto, dovete sapere due cose importanti:

  • Doublicat non consente di caricare un template proprietario – in altre parole, potrete fare un video deepfake utilizzando solamente i video/GIF presenti nella galleria dell’app, che comunque sono parecchi e divisi per tematica per una migliore ricerca;
  • Doublicat non permette di usare volti di persone famose nei video creati, ma solo selfie o immagini caricate dalla galleria (qualora ve lo stiate chiedendo, sì: funziona anche se inquadrate la foto di qualcuno).

Ciò detto, selezionate uno dei video per proseguire nella Piccola Guida.

PASSO 3: CREARE IL VIDEO DEEPFAKE – COME FARE UN DEEPFAKE IN UN VIDEO

Per creare il proprio video deepfake, dopo aver selezionato la GIF/video preferita, cliccate sul pulsante relativo all’upload del proprio selfie.

Come già detto, potete anche utilizzare la fotocamera posteriore (basta tappare sul pulsante di scambio nell’angolo in basso a destra) per fotografare il volto di qualunque soggetto, anche una foto recuperata dal web, da un libro o una rivista.

A questo punto, individuato ed estrapolato il volto da parte dell’algoritmo, cliccate sul pulsante “Reface“. L’app provvederà dunque, in pochi secondi, a sostituire il volto designato; potrete salvare il file definitivo in formato GIF o video, cliccando sul pulsante “Save“, oppure condividerlo nelle Storie di Instagram.

Attualmente non è possibile eliminare il logo di Doublicat dal video deepfake pagando un abbonamento; tuttavia, servendovi dell’app ActionDirector (e procedendo su “Modifica” > “16:9/9:16/1:1“, a seconda del formato del deepfake; da qui poi dovrete selezionare il video deepfake e procedere su > “Modifica” e poi cliccare sul simbolo “Ritaglia“, il primo in basso a sinistra)… forse.

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime Piccole Guide nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter e sul nostro canale Telegram! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//