MuseOS: 7 episodi per raccontare i sistemi operativi per smartphone pre-Android

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

In occasione dell’undicesimo anniversario di Android, festeggiato lo scorso 5 novembre, ci siamo posti una domanda forse non troppo usuale: non ci siamo chiesti né come abbia fatto Android a raggiungere la sua attuale posizione di predominio, né quando ciò sua effettivamente successo. Abbiamo invece deciso di svolgere un esercizio di memoria, pensando a chi avesse accompagnato l’ascesa del sistema operativo di Google: un’attività di retrospettiva, che ci ha consentito di intraprendere un viaggio nella memoria – nostra ed altrui – del passato digitale degli smartphone, in quell’epoca contemporanea all’esplosione del mercato delle applicazioni e posteriore all’arrivo dei primi device tecnologici, dei primi iPhone, degli ultimi palmare.

Uno sforzo non inusuale, considerando che ad oggi ne rimangono davvero poche tracce non solo materiali – qualunque famiglia probabilmente oggi dispone di almeno un vecchio telefono dell’epoca pre-Android, con annesso sistema operativo alternativoma soprattutto immateriali: le generazioni più giovani non ricordano nemmeno l’esistenza di Palm OS, di Bada, di Symbian e di tutti quei giganti dai piedi di argilla che avrebbero potuto interferire o interrompere il dominio di Google nel settore mobile, ma che per le ragioni più varie hanno fallito e si sono disintegrate da sé. Sciolti come brina al sole ed evaporati dalla scena, oggi sono ancora presenti nella forma di progetti open-source, spesso e volentieri guidati dalle comunità che ne hanno supportato commercialmente lo sviluppo ai tempi che furono e che oggi desiderano che quel patrimonio non venga perduto. Ma non sono niente di più di nicchie tecnologiche snobbate dal grande pubblico e dalla grande industria.

Per questo motivo abbiamo deciso di lanciare una nuova rubrica: MuseOS. Sette episodi confermati e forse qualcuno di più – dipendentemente dal materiale extra che riusciremo a recuperare – per raccontare quei sistemi operativi che non c’e l’hanno fatta, ma che ce l’avrebbero potuta fare. Sette approfondimenti correlati da interviste esclusive, materiali audio e video e tanto altro ancora per ripercorrere la storia degli smartphone che nessuno ricorda.

Il primo episodio verrà pubblicato il 29 novembre, e tratterà di uno dei più grandi sistemi operativi dell’epoca pre-Android: Palm OS. Una storia di gelosie e vendette tutte interne alla Silicon Valley, una tragedia shakesperiana che ha visto sul palco recitare grandi attori provenienti dalla Apple di Steve Jobs e dalla corte di Andy Rubin (co-fondatore di Android), e che è terminata con la più penosa delle morti.

Non perdetevi il primo episodio di MuseOS! Ci risentiamo il prossimo 29 novembre!

AGGIORNAMENTO: la prima puntata di MuseOS è stata spostata al 29 novembre a causa del probabile sovraffollamento dei contenuti per via della sua concomitanza con la Black Week, che colpevolmente non avevamo considerato.

Se non volete perdervi nè la prima puntata di MuseOS nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra pagina Instagram e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//