WhatsApp condivide alcuni dati con Facebook per la lotta al terrorismo – ma quali?

Facebook riporta di fare uso di "limited data" di WhatsApp per la lotta al terrorismo, ma non sappiamo quali

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

WhatsApp e Instagram condividono informazioni con Facebook per la lotta al terrorismo, ma nessuno sa né a quali dati i moderatori di Facebook facciano riferimento né in quale livello si possa quantificare il flusso di informazioni. A riportarlo è Monika Bicker, Director of Global Policy Management, insieme a Brian Fishman (Counterterrorism Policy Manager) all’interno del più vasto documento redatto in risposta alle continue accuse da parte di governi nazionali e istituzioni contro Facebook ed il suo ruolo nella lotta al terrorismo.

Siete pronti per scoprire tutto ciò che (non sappiamo) sulla condivisione dei dati tra Facebook e WhatsApp?

WhatsApp condivide dati con Facebook, ma nessuno sa quali

“Because we don’t want terrorists to have a place anywhere in the family of Facebook apps, we have begun work on systems to enable us to take action against terrorist accounts across all our platforms, including WhatsApp and Instagram. Given the limited data some of our apps collect as part of their service, the ability to share data across the whole family is indispensable to our efforts to keep all our platforms safe.”

Monika BickerDirector of Global Policy Management at Facebook

Con queste parole Monika Bicker ha dato comunicazione dell’ormai in corso collaborazione tra WhatsApp, Instagram – e dunque le due principali suite esterne all’ecosistema Facebook – ed il social network di Menlo Park per la lotta al terrorismo.

Più volte infatti governi, presidenti ed istituzioni più o meno governative hanno manifestato la propria rabbia nei confronti dei giganti del web per le “deboli” risposte contro gli atti di terrorismo online – il più illuminato palcoscenico dove si è potuta constatare una simile insofferenza è stato proprio l’ultimo G7 a Taormina, ma gli esempi sarebbero innumerevoli.

Dopo però il plauso dell’Unione Europea, Facebook ha deciso di chiarire il proprio atteggiamento con un post – datato 15 giugno – in cui vengono chiariti i mezzi ed i metodi impiegati per combattere la minaccia della cyberjihad, e non solo. Ma ai più è certamente sfuggito un interessante passaggio del documento, raccolto dal quotidiano The Indipendent che ha poi contattato Facebook per maggiori informazioni.

La sezione, riportata all’inizio di questo articolo, cita l’uso di “limited data” prelevato da WhatsApp e Instagram “to keep all our platforms safe”, ma non specifica né qui né in altri paragrafi di quali dati effettivamente si servano per contrastare “terrorist account”. Successivamente, forse proprio in previsione dei dubbi che la citazione di WhatsApp – un’app di chat che, al contrario di un social network come Instagram, non dovrebbe possedere dati da condividere – viene puntualizzato che:

“Because of the way end-to-end encryption works, we can’t read the contents of individual encrypted messages — but we do provide the information we can in response to valid law enforcement requests, consistent with applicable law and our policies.”

Dunque i messaggi non sarebbero leggibili dalla compagnia poiché crittografati end-to-end – giustamente – ma allo stesso tempo questa collaborazione non può che riportarci indietro al 2016, quando Facebook tentò di unificare le banche dati di WhatsApp e Facebook ma gli venne impedito dalla Commissione Europea, che aveva ritenuto l’intero impianto della nuova privacy policy quantomeno ingannevole.

Che Facebook abbia potuto ottenere con la lotta al terrorismo quanto in passato gli era stato vietato? Aggiorneremo l’articolo qualora ci fossero novità in proposito.

Secondo Pavel Durov, fondatore di Telegram, WhatsApp li legge eccome i messaggi degli utenti: scopri QUI tutti i dettagli delle sue accuse contro Facebook!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Fonte Facebook Newsroom
Via The Indipendent
Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//