King svilupperà Call of Duty, N.O.V.A. arriva su Google Play e molto altro: 10+ storie e nuovi giochi per Android

La settimana videoludica di Android condensata in un unico post

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

La settimana videoludica di Android non poteva essere più confusionaria: non soltanto infatti la società sviluppatrice di titoli arcade del tutto innocenti come Candy Crush, King, si è aggiudicata la realizzazione del prossimo titolo per Android della serie FPS per Playstation Call of Duty, mentre giochi come Tempest vengono pubblicati su Google Play insieme a N.O.V.A., che vanta di pesare meno di 20MB – un risultato che non è possibile raggiungere a costo di qualche compromesso.

Siete pronti per scoprire tutte le novità di questa settimana videoludica?

Azione

Meganoid (2017)

Era stato annunciato, è arrivato come promesso: Meganoid è il nuovo prodotto della fortunata casa di sviluppo OrangePixel – già realizzatrice dei titoli della serie Gunslaug – che porta su Google Play un titolo in pixel art dotato di generatore casuale di livelli ed un gameplay decisamente compatibile con le meccaniche di gioco del quasi-omonimo retrogame, Metroid.

Salta, corri, schiva!

Una volta acquistato Meganoid (una spesa di non poco conto, dato che si attesta sui 4,99€) dovrete infatti superare ostacoli, schivare proiettili al plasma e distruggere torrette e nemici di vario genere – principalmente droni e robot di sicurezza – per raccogliere bonus e monete da spendere presso il rivenditore nella vostra nave spaziale, qualora riusciate a raggiungere sani e salvi l’uscita. Un gioco completamente differente ad ogni round, frenetico e dotato di grafica e gameplay probabilmente fin troppo classici, ma implementati con la giusta cura.

Meganoid(2017)


N.O.V.A. Legacy

Trovata pubblicitaria o rivoluzione nel mondo dei videogames mobili? Potremmo relegare ai posteri l’ardua sentenza, ma la sezione delle recensioni di Google Play, nonostante gli scandali recenti, sembra parlare da sè: il remake della celeberrima saga di Gameloft N.O.V.A. ha trovato nuova linfa vitale e pubblico con N.O.V.A. Legacy, pesante solamente 20MB e capace di installarsi dunque in (quasi) tutti gli smartphone Android in circolazione.

Nuovi capitoli, nuove avventure!

L’idea di condensare all’interno di un titolo impegnativo dal punto di vista grafico un solo capitolo della variegata storia fantascientifica di N.O.V.A. poteva terminare con i fischi del pubblico ed un giudizio rabbioso su un esperimento fallito, ma non è stato così. Oltre dunque ad occupare poca memoria di archiviazione (ma va ricordato anche l’impegno che verte sulla memoria RAM) N.O.V.A. Legacy integra la prima parte dell’avventura di Kal e Yelena, ma compensa la mancanza con una serie di eventi a tempo ed a tema ed un multigiocatore online in cui sfogare la propria passione per gli FPS – e non potevano mancare i team, le personalizzazioni e le classifiche online. Ed è persino gratuito!

N.O.V.A. Legacy


King Arthur

I giochi mobili derivati da pellicole in uscita al cinema, è risaputo, non hanno mai garantito particolari soddisfazioni: nonostante dunque King Arthur sia da considerarsi più come un evento promozionale in alta definizione che un gioco dotato di una propria personalità, non possiamo negargli l’interesse suscitato dal gameplay e dalla grafica dettagliata.

Anche a mani nude, se occorre!

La trama, ci pare superfluo specificarlo, è la medesima del film: Re Artù non potrà dimostrarsi degno della corona se non saprà conquistarla tra complotti, intrighi e, soprattutto, scontri all’ultimo sangue. Ecco che allora interviene il sistema di combattimento implementato da Warner Brothers per King Arthur, il quale mescola swipe, comandi touch e riflessi per schivare e contrattaccare, in una furibonda mischia di spade e mazze chiodate. Il gioco naturalmente è gratuito e per i pochi fortunati in possesso di un visore Daydream è disponibile anche la versione in Realtà Virtuale!

King Arthur

Arcade

Dig Deep!

Pare che Noodlecake, la famosa casa di sviluppo di titoli mobili, stia portando su Android il parco videoludico mantenuto stazionato finora su iOS: il primo, fortunato gioco ad entrare in possesso degli utenti del sistema operativo di Google è Dig Deep!, un simpatico arcade ambientato in un sistema solare differente da quello corrente, ma con le medesime necessità d’oro e di metalli preziosi.

Scavate, ma guadagnate!

Ed è per questo che, vestendo i panni di Roger, vi avventurerete nelle profondità del pianeta sfidando alieni e sistemi di sicurezza (per gli intrusi troppo curiosi) per procurarvi tutto il denaro necessario a migliorare il vostro equipaggiamento o per reclutare nuovi minatori che possano affiancarvi nell’avventura: ogni pianeta è infatti generato proceduralmente, dunque non sarà mai lo stesso percorso! La grafica è naturalmente in 8-bit, mentre il gioco è gratuito con acquisti in-app.

Dig Deep!


Royal Dungeon

Il mondo degli emulatori non fa per voi, ma allo stesso tempo vorreste poter sperimentare il medesimo gameplay che negli anni d’oro di Nintendo fece la fortuna della serie di capitoli dedicati a Zelda?

Muoversi in sincronia non è facile come pensate…

Allora vi consigliamo di puntare su Royal Dungeon: questo quasi misconosciuto titolo arcade appena rilasciato su Google Play possiede il medesimo stile artistico, nonchè le stesse tecniche di combattimento e movimento già viste su The Legend of Zelda: Link’s Awakeninge non solo. Royal Dungeon non vive infatti di luce di ritorno ma, anzi, risalta nell’oscurità della mediocrità grazie all’introduzione dei sistemi di controllo riflessi, per cui il giocatore dovrà seguire nei movimenti, nel medesimo ambiente di gioco ed allo stesso tempo, due personaggi i cui spostamenti sono esattamente opposti. Non sarà Zelda, ma vi saprà impegnare forse allo stesso livello.

Royal Dungeon


Cliff Hopper

Cambia l’ambientazione, ma non il pensiero di fondo: siete troppo pigri per lanciarvi nell’esplorazione di foreste di mangrovie e paradisi tropicali? Allora potreste solamente immaginare di visitare questi luoghi giocando a Cliff Hopper, un mobile game che, sotto l’aspetto del gameplay, ci ha più volte ricordato titoli più anziani come The Quest Keeper.

I meccanismi che presiedono il movimento sono elementari, come accade nella maggior parte dei giochi arcade: mentre il protagonista continua la sua corsa tra labirinti, palle di fuoco e vulcani, l’utente dovrà stare in allerta ed evitare di cadere, farsi colpire, morire per colpa di uno dei suddetti ostacoli. Nonostante la banalità del concept, l’aspetto grafico – isometrico in pixel art, ma con colori neon apprezzabili – ne evidenzia i possibili elementi innovativi, seppur limitati al contesto.

Cliff Hopper

Puzzle

Warp Shift

In un mondo di puzzle-game monopolizzati dalle caratteristiche tecniche e stilistiche di Monument Valley, sorprende la presenza di un gioco innovativo come Warp Shift a spezzare la monotonia del panorama. Il titolo, realizzato dalla casa di sviluppo Deep Silver, cerca di coinvolgere tutti i sensi fisici – dall’udito allo sguardo – per trasportare lo spettatore all’interno di un’avventura nello spazio e nel tempo.

Riuscirete a raccapezzarvi?

E sarà soprattutto lo spazio a rappresentare il principale ostacolo del giocatore: spostando e modificando l’ambiente circostante occorrerà aiutare Pi a raggiungere l’uscita della torre in cui è stata imprigionata, in 15 livelli per ciascuno dei 5 mondi di cui si compone Warp Shift. La grafica tridimensionale viene sfruttata per introdurre nuovi piani d’azione e spingere la mente dell’utente a razionalizzare i movimenti ed a considerarli in una prospettiva più ampia; il titolo è gratuito ma possiede alcuni acquisti in-app.

Warp Shift

Avventura

Tempest

Il mare, i tesori ma soprattutto i pirati: sono i tre elementi di cui si compone il gioco di ruolo – ma definito come titolo d’avventura da parte del sistema di catalogazione di Google Play – Tempest, un porting a quanto pare perfettamente riuscito dell’omonimo gioco per PC, che ha visto oltre 50.000 appassionati rendere possibile lo sbarco sui sistemi mobili di un’avventura in grafica, gameplay ed effetti sonori completamente pirateschi.

Barra a dritta!

Nonostante sia ancora in fase sperimentale e dunque disponibile al prezzo di 0,99€ per via della presenza di eventuali errori di programmazione, Tempest dispone di un comparto grafico all’avanguardia, un sistema open-world per l’esplorazione di isole, mari ed atolli molti dei quali potrebbero essere pattugliati dalle navi delle potenze coloniali che nel Seicento si contendevano il possesso delle coste caraibiche. E se i galeoni di Spagna non vi spaventano, forse indietreggerete davanti al Kraken, al Leviatano e ad una serie di mostri marini che potrebbero divellere in un sol colpo lo scafo della vostra nave… a meno che non la dotiate di qualcosa di più di semplici cannoni, naturalmente.

Tempest

Notizie

King svilupperà Call of Duty

È un periodo di riforma e autocritica in casa Activision: la società deputata allo sviluppo della fortunata serie di giochi a tema bellico – ultimamente deviati pericolosamente in un ambiente futuristico e fantascientifico, non particolarmente apprezzato dai fan che infatti hanno spinto la software house a puntare ad un nuovo genere di intrattenimento videoludico, oltre a tornare sui propri passi riportando la serie per console fisse ai tempi della II Guerra Mondiale. Non si sa molto della natura o dell’aspetto che assumerà il gioco Call of Duty targato King, ma sicuramente scommetterà molto sulla socialità: ciò ci lascia pensare che potrà assumere la forma di un free-to-play con pubblicità, IAP e quanto di peggio possa esistere nel mondo videoludico Android. La qualità di King è certamente innegabile, ma lascia comunque perplessi che sia stata selezionata per la realizzazione di un gioco completamente differente dal genere solitamente abituata a gestire.

Scopri QUI invece tutti i gamesbot per Telegram da giocare con i tuoi amici!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime storie videoludiche nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//