La PAX di Google, l’accordo tra produttori Android per la condivisione dei brevetti

Niente più battaglie legali, forse: con PAX i produttori condivideranno i propri brevetti

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

La PAX di Google avrà la stessa stabilità e produrrà i medesimi frutti della Pax Romana di Augusto? È quanto ci auguriamo, e probabilmente gli stessi auspici sono stati espressi da tutti i lettori Android che ne sono venuti a conoscenza: PAX è infatti il nome in codice assegnato all’accordo siglato da Google, Foxconn, HTC ed una serie di altri produttori di smartphone che condivideranno tra loro i brevetti realizzati per evitare cause che rallentino la produzione di innovazioni nel settore.

Siete pronti per scoprire tutti i dettagli della PAX di Google?

La Lega Santa di Google per evitare cause tra alleati

Tanto in politica quanto in guerra o nel mondo del business, la divisione tra alleati nel medesimo campo non porta che alla sconfitta: questo pensiero, elaborato da decine di studiosi della geopolitica e successivamente riprovato da un’innumerevole serie di eventi storici, deve essere stato il motore e la scintilla che hanno spinto LG, Google, Foxconn, HMD, HTC, Coolpad, BQ, Allview e Samsung a siglare l’accordo PAX di Google, un’alleanza tra produttori di smartphone.

Riuscirà la PAX di Google a mantenere la stabilità sul fronte Android?

I dettagli di questa alleanza – il cui nome esatto è Android Networked Cross-License, nonostante venga poi definito dalla società di Mountain View stessa con il più breve ed evocativo PAX – non sono ancora stati chiariti, ed occorrerà attendere maggiori informazioni da parte dei contraenti per comprendere quali siano i termini dell’accordo. Ciò che finora è dato sapere è che i contraenti sono interessati a contrastare un fenomeno sfortunatamente frequente nel campo delle nuove tecnologie: la guerra dei brevetti. Un conflitto scatenato sulla base del brevetto di un microchip all’apparenza insignificante può portare alla dispersione di energie, risorse e soprattutto occasioni, avvantaggiando una concorrenza che mai prima di oggi avrebbe bisogno di eventi fortuiti per rialzare la testa ed invertire le stime che vedono Android più popolare di iOS e fors’anche di Windows, seppur in zone limitate del globo.

Con la PAX di Google tutti i partecipanti – qualunque azienda può entrare gratuitamente e liberamente a farne parte – condivideranno senza alcune royalties le licenze ed i brevetti su tecnologie legate ad Android e Google Applications su smartphone che rispettino determinate caratteristiche. Collettivamente, i membri di PAX di Google possiedono oltre 230.000 brevetti che, agli occhi di Google e Samsung, saranno al riparo da eventuali battaglie legali nel fronte Android e che invece, per i partecipanti più piccoli, rappresenteranno lo scudo necessario allo sviluppo di nuove tecnologie, mantenute al riparo dalla minaccia eventuale di cause legali che potrebbero frenarne la diffusione.

Insieme a PAX di Google sono presenti anche altre associazioni per la difesa dei produttori dalle guerre dei brevetti, come LOT Network e l’Open Patent non-assertation Pledge.

Scopri QUI tutto quello che occorre sapere invece su Android RCS, la tecnologia che aiuterà Google a battere iMessage!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Fonte PAX Official Site Google Blog
Via The Verge
Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//