I 6 Saggi Consigli e trucchi per liberare memoria su Android

Come liberare la memoria del proprio smartphone Android, e vivere felici

Wonderhowto

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Avevamo già stilato qualche tempo fa una serie di Saggi Consigli e trucchi per liberare memoria su Android, aumentare lo spazio di archiviazione e riuscire dunque ad installare nuove app e giochi senza essere per forza costretti a cambiare smartphone. Tuttavia l’evoluzione della tecnologia e l’introduzione di nuove modalità di aumento della memoria su Android ci spingono a formulare una nuova, e maggiormente aggiornata serie di Saggi Consigli.

Siete pronti per scoprire tutti i trucchi per liberare memoria su Android?

#1 – Disinstallate le app meno utilizzate

Può capitare, specialmente agli utenti più attivi, di installare settimanalmente un gran numero di app e giochi dal Play Store, le quali poi raramente vengono utilizzate e spesso finiscono per essere lasciate nei più remoti banchi della memoria interna ad occupare spazio inutilmente. Questo può accadere sia per una dimenticanza sia per la progressiva perdita d’interesse nei confronti di un titolo molto popolare – poco importa; l’importante è che ve ne liberiate al più presto.

Le app meno utilizzate vanno disinstallate!

Scoprire quali app occupino più spazio non è difficile, mentre risulta essere decisamente più complesso capire quali app vengano utilizzare con minor frequenza: grazie ai nostri trucchi per liberare memoria su Android – ed all’applicazione App Usage – potrete venire a conoscenza delle app e dei giochi a cui accedete più spesso. In questo modo, grazie soprattutto all’interfaccia intuitiva dell’applicazione (che sviluppa grafici, statistiche e categorie di frequenza), sarete in grado di individuare gli elementi meno utili del dispositivo e disinstallandoli libererete risorse precedentemente occupate inutilmente.

#2 – Procuratevi un servizio cloud

Uno dei principali trucchi per liberare memoria su Android è dato dai servizi cloud nei quali archiviare fotografie, video, documenti e quanto di trasferibile sia presente all’interno del device. Si tratta di una tattica vincente poichè permette non soltanto di liberare memoria su Android, ma anche di custodire in un’area sicura e protetta i propri ricordi – riprese di compleanni, feste con gli amici o momenti famigliari – che risulteranno sempre accessibili, previa connessione Internet.

Quale servizio cloud saprà rispondere alle vostre esigenze?

Ciononostante, non è semplice scegliere un servizio cloud che soddisfi le proprie aspettative: privacy e trattamento delle informazioni personali, affidabilità del servizio, disponibilità dei piani gratuiti sono opzioni che un utente dovrebbe tenere in considerazione per la selezione della piattaforma che prenderà possesso dei propri dati. Abbiamo stilato QUI una serie di raccomandazioni da seguire per scegliere il migliore servizio cloud; nel frattempo possiamo indicarvi Google Foto, all’interno del quale stipare video ed immagini – che risulteranno perennemente accessibili poichè collegati al vostro account Google. Vi ricordiamo che però, in tal caso, ciascun file multimediale sarà accessibile all’analisi da parte della casa di Mountain View.

Potrebbe interessarti anche

#3 – Procuratevi una scheda SD

Le schede SD sono i migliori alleati di un utente, specialmente quando si tratta di trucchi per liberare la memoria Android: molti device possiedono uno slot per schede SD (basterà consultare il manuale di istruzioni o verificare di persona controllando gli scomparti posti al di sotto della cover posteriore) e sarà sufficiente acquistare il prodotto più adatto alle proprie esigenze. Noi vi suggeriamo la scheda Samsung SD Pro+ da 32GB – un ottimo rapporto tra qualità, prezzo e prestazioni in lettura e scrittura – ma se non si tratta del taglio di memoria adatto, allora la scheda microSD SanDisk Extreme da 64GB farà al caso vostro.

Le schede SD vanno scelte con cura, nonostante siano la principale fonte per liberare memoria su Android

Il vostro device non supporta le schede SD? Nessun problema: in tal caso potrete affidarvi ad un dispositivo di streaming wireless come Verbatim Mediashare, una chiavetta all’interno della quale inserire le vostre schede SD e microSD e permettere a smartphone, PC e laptop di sfruttare la connessione senza fili per accedere, modificare e copiare i dati contenuti al suo interno.

#4 – Tutto è più facile con USB OTG

La tecnologia USB OTG, benchè poco sfruttata dagli utenti Android più casual, permette di ampliare lo spazio di archiviazione del proprio device illimitatamente – a seconda della quantità di memorie esterne decidiate di portarvi appresso.

USB OTG is the way!

Chiavette USB inutilizzate e vecchie schede SD potranno risorgere a nuova vita con una semplice postazione di lettura USB OTG, o più semplicemente grazie ad un cavo di connessione che converta il formato USB a quello microUSB o USB Type-C: sono in vendita a pochi Euro nei principali store online e permettono di eseguire azioni che altrimenti sarebbero impossibili da performare con un normale device – potete scoprirne di più nella nostra guida dettagliata a riguardo. Alcune, come la chiavetta di memoria UGREEN, integrano anche un certo quantitativo d’archiviazione standard (QUI nella sua versione USB Type-C).

#5 – Convertitevi al root

Il rooting è un processo insicuro e pericoloso, ma i cui benefici superano in numero i rischi che un utente decide di correre nel momento in cui se ne ottengono i permessi e si esegue lo sblocco del bootloader.

Ciò che non uccide, fortifica! – Fonte immagine: Android PIT

Grazie al rooting non soltanto è possibile potenziare la memoria RAM, la durata della batteria e persino la qualità del volume del proprio device – ci sono alcune app che promettono ed eseguono questo e ben altro – ma si potranno disinstallare le app di sistema, i bloatware inseriti dal produttore che difficilmente avrete mai trovato utili – ma che comunque persistono nell’occupare spazio nel device. Una volta dunque che avrete ottenuto i permessi di root (grazie ad una delle molteplici guide presenti su Internet, o grazie persino alla documentazione ufficiale del produttore) vi basterà installare l’app System App Remover e procedere alla rimozione di qualsiasi app preinstallata non rientri tra i vostri interessi.

#6 – Cancellate le cache

L’ultimo dei nostri trucchi per liberare memoria su Android coinvolge uno dei metodi più discussi, ma indubbiamente efficaci, di pulizia del device: le cache sono file temporanei che le applicazioni generano durante la connessione alla rete Internet e che consentono alla stessa di accedere più rapidamente i contenuti visualizzati nel caso in cui vengano visitati una seconda volta.

Sfruttando un cache cleaner, potrete liberare memoria su Android in pochi secondi

Si tratta di un sistema intelligente di diminuzione dei tempi di caricamento, ma non ottimizza il sistema d’archiviazione dei dati: per questo vi consigliamo di installare un cache cleaner per cancellare intelligentemente le cache del device – i migliori sul mercato sono SD Maid e CCleaner per Android.

Se volete saperne di più, vi basterà leggere la nostra guida a tema.

Scopri QUI come utilizzare lo smartphone come memoria di massa esterna!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime serie di Saggi Consigli nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//