Skype Preview è la risposta di Microsoft ad Allo, forse

Skype Preview è il nuovo Skype Insider, e forse il concorrente di Allo

MSPowerUser

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Non sono passate che poche settimane dal debutto di Sype Mingo, il client gestionale per messaggi di testo e chat Skype, che Microsoft ha deciso di rendere pubblicamente disponibile il suo ultimo ritrovato: Skype Preview, precedentemente conosciuto come Skype Insider e disponibile unicamente tramite invito, è stato ufficialmente presentato al pubblico. Un po’ Snapchat, un po’ Mingo, Skype Preview integra al suo interno Bing, il motore di ricerca della casa di Seattle, insieme ad una serie di funzionalità che lo rendono un must-have per gli utenti Skype su Android, specialmente per via dello stato dell’attuale client ufficiale – non del tutto soddisfacente in termini di prestazioni.

Siete pronti per scoprire Skype Preview?

Skype Preview è Allo, ma fatto bene

Skype è un’applicazione potenzialmente fatale per il mercato delle app di messaggistica: presente sin dagli albori delle chiamate VoIP, dispone di una vasta utenza, di una piattaforma ramificata di bot e funzionalità accessorie così come di un assistente virtuale ed un motore di ricerca curate dalla propria società sviluppatrice – proprio come Allo.

Al contrario però dell’app di chat di Google, Skype sembrerebbe puntare tutte le proprie carte non sulla sicurezza del protocollo crittografico – le chat segrete sono protette dall’algoritmo di ideazione della società Open Whisper System, sviluppatrice dell’app Signal e supportata da Snowden – o sulla bontà del proprio assistente virtuale, quanto piuttosto su features decisamente più in voga come stickers, reactions e chatbot.

Se il client ufficiale di Skype aveva sempre dimostrato le proprie limitazioni – la scheda ufficiale di Google Play raggiunge quasi un milione di valutazioni ad una sola stella – Skype Preview si propone di risolvere i problemi del predecessore e di introdurre una serie di features decisamente più social. Niente canali Telegram o WhatsApp Status, naturalmente, ma una schermata per le conversazioni suddivisa in tre schede: quella centrale è dedicata alla chat, mentre eseguendo uno swipe a sinistra si potrà accedere alla ricerca via Bing, insieme ad alcuni collegamenti rapidi a YouTube e Giphy. Lo swipe a destra permetterà invece di attivare la fotocamera, la quale integra un editor interno per personalizzare tramite schizzi e stickers le immagini catturate, le quali potranno essere salvate nella memoria interna o condivise esternamente.

Anche la messaggistica ottiene un potenziamento: all’interno di gruppi e conversazioni private gli utenti potranno assegnare una Reaction a ciascun messaggio, visibile ad ogni partecipante; una feature social semplice ma a suo modo innovativa, e potenzialmente vincente.

Naturalmente poi è possibile effettuare videochiamate, le quali supportano l’invio in tempo reale di stickers, emoji o brevi frasi di testo, così come conversare con i bot: basterà tappare sul FAB posto nella schermata principale ed eseguire una breve ricerca di parole chiave.

Skype è l’anti-Allo?

È molto difficile immaginare quale obiettivo Skype si stia ponendo di raggiungere: gli ultimi update non hanno rivoluzionato particolarmente l’applicazione, ma si sono limitati ad aggiungere alcune feature social così come ad affinare quelle già presenti.

Allo è in rotta di collisione con Skype?

Allo difficilmente riuscirà a risollevarsi dal calo di popolarità in cui è precipitato – a meno che il Google Assistant non riceva prossimamente l’integrazione alle principali lingue europee quali l’italiano, il francese, lo spagnolo – e nonostante Facebook ci abbia abituati a ritenere che un’app non possa riscuotere successo se non copiando la concorrenza, è probabile che Microsoft decida di proseguire sulla strada già spianata negli anni precedenti. Maggiore integrazione con Bing ed i bot, qualche update che strizzi l’occhio a Snapchat ma che non stravolga la propria struttura per cercare di entrare in uno scontro già sanguinoso tra Menlo Park e Venice, probabilmente l’arrivo di Cortana, già multi-piattaforma. Togliere il fiato ad Allo, già morente, sarà molto più semplice e veloce.

Dove scaricare Skype Preview

Skype Preview è disponibile unicamente in fase di testing, nonostante sia già stabile; pubblicamente presente su Google Play, occorrerà però sottoscrivere il programma di prova e scaricare il file da APK Mirror per poter sperimentare di prima persona le nuove features.

Scopri QUI Wire, una tra le app di chat più sicure disponibili!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, la nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//