La nuova modalità di aggiornamento di Google Play permette di salvare oltre il 65% del traffico dati

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Aggiornare un’applicazione è sempre un problema: non soltanto perchè una nuova patch corrisponde ad una quantità di dati da trasmettere, ricevere ed applicare decisamente impegnativa e che può occupare un numero di risorse non indifferente, ma anche per via della grande quantità di dati che un aggiornamento richiede e che non può essere applicato attraverso traffico dati a meno di non possedere una tariffa flat che non lasci preoccupazioni.

Fortunatamente Android non si disinteressa riguardo questioni di tal genere, e preferisce affidare la parola ai fatti: questo è quanto riporta l’ultimo update da parte del blog ufficiale Android Developers, che introduce la nuova tecnologia chiamata File-by-File patching e che consente di salvare il 65% dei dati – e si trattano di dati approssimati per difetto.

Siete pronti per scoprire tutti i dettagli della tecnologia File-by-File?

Google salva il 65% dei dati negli aggiornamenti su Google Play

Gli aggiornamenti su Android non sono mai stati una passeggiata, ed i disagi li abbiamo già menzionati nell’introduzione nell’articolo: a quanto pare non si trattano unicamente di impressioni personali ma di sensazioni generali confortate dai fatti che anche Android ha saputo confermare all’interno di un post del blog per sviluppatori, che annuncia l’avvio della tecnologia File-by-File patching che permetterà all’utente di salvare più della metà dei dati impiegati per l’aggiornamento di un’applicazione.

file-by-file-patching-android
Un esempio della compressione

Si tratta di una novità-non-novità, in quanto presso Mountain View erano già trasparite rumor e annunci a riguardo: una modalità di aggiornamento che non provvedesse a sostituire completamente l’applicazione precedente ed introducendo un file alternativo ma complementare, ma che modifichi unicamente le porzioni dell’applicazione effettivamente cambiati.

Così come gli sviluppatori della casa di Mountain View evidenziano, la maggior parte dei file ZIP e APK compressi vengono ridotti di dimensioni da una tecnologia chiamata Deflate che, nonostante la bontà dell’operazione, rende decisamente difficile intuire cosa sia stato effettivamente modificato del file originale se confrontato con il file compresso. Di conseguenza Google, pur di evitare di fare a meno di Deflate per i propri aggiornamenti, ha lanciato un processo chiamato File-by-File patching e che prevede prima il confronto tra il file originale e quello inviato per l’aggiornamento (de-compressi), l’applicazione delle modifiche all’originale e successivamente la nuova compressione del file che verrà installato poi nello smartphone.

Complicato? Forse, ma sarebbe stato molto più complicato trovare una nuova forma di aggiornamento; sfortunatamente però c’è un difetto: la modalità File-by-File (completamente sicura, va precisato) prevede un tempo di aggiornamento più lungo del solito, nonostante una richiesta di traffico dati abbassato del 65% – e, in alcuni casi, anche dell’89% – e per questo si prevede un suo utilizzo per gli update in background o durante l’orario notturno, nei quali lo smartphone non viene utilizzato.

Vuoi salvare traffico dati? Scopri QUI i nostri Saggi Consigli e suggerimenti a riguardo!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//