I 10 indizi per scoprire la presenza di un malware nel proprio smartphone – [Parte 2]

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Proteggere uno smartphone dalle insidie del mondo di Android è complesso, ma quanti sarebbero in grado di dimostrare che il proprio smartphone è stato insidiato da un malware? Noi abbiamo raccolto una serie di 10 indizi per individuare un malware nascosto tra i file della propria memoria interna: siete pronti per scoprire se il vostro device è stato infettato, oppure si trattano solamente di sintomi di normale stress da utilizzo prolungato?

Potete trovare la prima parte di questa classifica direttamente QUI.

#6 – RIAVVII IMPROVVISI

La presenza di un file infetto all’interno di un sistema operativo è simile allo stazionamento di un virus in un organismo vivente: l’intera struttura diventa instabile poichè il corpo estraneo tenta di infiltrarne i meccanismi di funzionamento, spesso sovraccaricando – in questo caso – la memoria RAM non soltanto provocando rallentamenti ma che, nei suoi picchi più alti, porta anche al riavvio del dispositivo.

indizi-per-malware-8
Uno smartphone che si riavvia troppo frequentemente è un device malato

Ogni smartphone Android, nel momento in cui la memoria di sistema viene completamente occupata sino a bloccare il dispositivo, arriva al riavvio automatico per prevenire conseguenze peggiori: si tratta di un avvenimento che può accadere saltuariamente, ma nel momento in cui dovesse diventare fin troppo frequente starebbe ad indicare la possibile presenza di un malware.

#7 – RICHIESTE SOSPETTE

Un malware non si accontenta della quiete presenza all’interno del device, ma punta al controllo totale e completo del dispositivo: la strada più veloce ed efficace offerta dallo stesso sistema operativo sono, naturalmente, i permessi da amministratore del dispositivo.

indizi-per-malware-9
Non concedete a nessuna applicazione sospetta l’amministrazione del dispositivo

Un’applicazione che richieda l’amministrazione del dispositivo deve per forza avere qualche connessione con settori sensibili o collegati alla sicurezza del dispositivo (un’app per la localizzazione da remoto del device, per esempio, o un antivirus); qualora invece a chiedere tali permessi, a più riprese e sempre più frequentemente, sia un’app-raccolta di sfondi, state sicuri che sotto la vellutata patina del Material Design si nasconde un malware – e guai a concederglieli! In quel caso, non riuscireste più a liberarvene.

#8 – RITARDI NELLO SPEGNIMENTO DEL DEVICE

Anche questa voce, così come i rallentamenti dello smartphone e i riavvi improvvisi, rientrano nell’occupazione forzata di risorse da parte del malware installato nella memoria interna.

indizi-per-malware-10
Per spegnere lo smartphone occorre solamente qualche secondo!

Meno memoria RAM equivale ad una minore capacità di reazione da parte del sistema operativo: se il device impiega più di qualche istante a spegnersi… potrebbe essere colpa dell’eccessiva quantità di applicazioni installate, ma qualora questi ritardi dovessero sommarsi ad altri sintomi da infezione da virus qui raccolti, avete il diritto di preoccuparvi.

#9 – RUMORI SOSPETTI E TELEFONATE CONTROLLATE

Pensate che i malware si limitino al prelievo di informazioni personali? Sfortunatamente esistono differenti tipologie di virus e tra questi gli spyware sono tra i più diffusi, in quanto puntano all’intercettazione di qualsiasi categoria di informazione prodotta e scambiata dall’utente, che sia testuale o vocale.

indizi-per-malware-7
Le vostre telefonate sono al sicuro?

Non sono poche infatti le segnalazioni di malware ma anche di applicazioni legittime che, prendendo possesso del microfono del dispositivo, erano in grado di recepire e registrare la pronuncia di determinate parole chiave per avviare funzionalità segrete o semplicemente per intercettare nuovi big data. Se dunque avrete occasione di notare, durante l’ascolto, fruscii di sottofondo o un’eco nella riproduzione dell’audio in entrata e in uscita, eseguite ricerche più approfondite, magari scansionando la memoria interna con un tool apposito – anche se potrebbero trattarsi probabilmente di disturbi del segnale, occorre essere scrupolosi.

#10 – CONTROLLATE IL TRAFFICO DATI

Traffico dati e virus sono un binomio quasi classico, ed anzi un consumo esagerato rispetto ai canoni usuali è solitamente un indizio per individuare un malware quasi al primo colpo.

indizi-per-malware-11
Un consumo eccessivo di traffico dati porta ad una spesa ulteriore ed ingiustificata!

Nonostante risparmiare traffico dati sia un’impresa complessa e per nulla semplice – abbiamo stilato una serie di Saggi Consigli e trucchi per aiutare chi sia intenzionato ad arrivare alla fine del mese senza sforare la promozione – è piuttosto strano che si registri un consumo improvviso di Megabytes senza che vi sia correlato un evento che possa giustificarlo. A meno che infatti inavvertitamente non abbiate eseguito lo switch tra traffico dati e Wi-Fi nel momento di riprodurre un video su YouTube o siate frequenti utilizzatori di LTE, vi consigliamo di monitorare il traffico dati e di scoprire quale app ne faccia un uso più vorace: i malware si servono della connessione ad Internet per ricevere istruzioni da remoto, scaricare contenuti dannosi e inviare dati prelevati.

Vuoi scoprire come disinstallare un malware, oltre che trovarlo? Scopri QUI come fare con la nostra Piccola Guida!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè i prossimi Approfondimenti nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Instagramsul nostro canale Telegram! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//