Come mettere in sicurezza il mobile banking in 5 mosse

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Ottobre è riconosciuto a livello internazionale per essere il mese della sicurezza elettronica europeo: quale occasione migliore per mettere in luce i procedimenti e gli accorgimenti da attuare per rendere più sicuro il settore del mobile banking, il quale negli ultimi anni è entrato nel mirino di hacker e malintenzionati che, attraverso la diffusione di malware ed altre minacce elettroniche, punta all’acquisizione fraudolenta delle credenziali d’accesso.

Mescolando dunque i consigli forniti da ESET Italia con le nostre considerazioni personali, siamo in grado di suggerirvi cinque mosse da attuare per mettere in sicurezza il mobile banking sul vostro smartphone: siete pronti per scoprirle tutte e cinque?

#1 – Non fidatevi delle reti Wi-Fi pubbliche

Nonostante rappresentino un’attraente soluzione per il risparmio di traffico dati, l’utilizzo di reti Wi-Fi pubbliche per operazioni di mobile banking potrebbe risultare fatale per la sicurezza del proprio conto corrente: affidabili per un uso saltuario e finalizzato ad attività ludiche, le reti Wi-Fi pubbliche sono da evitare durante operazioni di connessione diretta al proprio account bancario.

samsung_pay
No, non tutte le reti sono sicure per i pagamenti online!

I motivi sono molteplici, ma tutti riconducibili allo scarso livello di sicurezza offerto dalla rete che potrebbe essere infiltrata o utilizzata da hacker – o persino da multinazionali, così come dimostrò lo scandalo Wi-Spy che coinvolse Google e Niantic – per recuperare qualsiasi informazione condivisa attraverso la connessione Wi-Fi; meglio affidarsi al traffico dati oppure persino ad una rete VPN.

#2 – Attivate le notifiche tramite SMS

Qualora facciate un utilizzo solamente saltuario del mobile banking o siate particolarmente preoccupati che qualcuno possa fare uso del vostro conto corrente a vostra insaputa, la scelta migliore è rappresentata dunque dall’attivazione delle notifiche tramite SMS.

MobileBanking_Feature
Tramite le notifiche SMS è possibile tenere sotto controllo ogni movimento

Così facendo le transazioni sospette saranno immediatamente riconosciute e sarà possibile avvertire la propria banca dell’avvenuto furto delle credenziali.

#3 – Affidatevi solamente all’app ufficiale della banca

Potrà sembrare un consiglio fuori luogo, ma solamente l’applicazione ufficiale della banca può offrirvi il grado di sicurezza necessario per operare in tranquillità ed eseguire transazioni, prelievi e trasferimenti in tranquillità.

Mobile-Banking
Fidatevi solamente dell’app della vostra banca!

Fare uso del proprio account bancario tramite browser vi espone infatti a numerosi pericoli, difficilmente quantificabili: non soltanto potrebbe capitarvi di salvare la password del vostro profilo bancario associandola all’account Google tramite Chrome – fatto che vi costringerebbe a cancellare tutte le credenziali di accesso attraverso un reset delle impostazioni del browser – ma, peggio, potreste cadere vittima di un tentativo di pishing eseguito tramite un falso portale del vostro servizio bancario. Per tale motivo poi vi suggeriamo di attivare sempre l’autenticazione a 2 fattori per prevenire situazioni di questo tipo.

#4 – Non eseguite il rooting del device

Se volete utilizzare i servizi che il mobile banking vi mette a disposizione, allora non eseguite il rooting del vostro device nonostante le prestazioni maggiorate che lo smartphone potrebbe ottenere.

Mobile-banking
Il rooting impedisce qualunque forma di mobile banking

Le principali applicazioni legate al mondo bancario, nonchè i moderni servizi di pagamento mobile – Android Pay, Samsung Pay ma non solo – sono infatti programmate per verificare la presenza dei servizi di root e nel caso di impedire qualunque utilizzo del conto corrente proprio per via dei pericoli a cui il rooting espone lo smartphone. Lo sviluppatore dell’app SuperSU ha messo a punto un servizio che consente di nascondere il bootloader sbloccato, ma si tratta di una battaglia che lui stesso ha definito “persa in partenza“.

#5 – Non perdete mai di vista il vostro device

Se il mobile banking ha reso quasi inutile la carta di credito quale strumento di pagamento in mobilità, allo stesso tempo ha aumentato l’importanza del device in quanto detentore di credenziali di accesso particolarmente sensibili.

IMG_20161008_181433
Le carte di credito sono diventate meno sensibili degli smartphone, ma non meno importanti

Per fortuna eseguire un reset alle impostazioni di fabbrica di uno smartphone è molto più semplice e rapido rispetto alla disattivazione di una carta di credito – il primo può essere formattato autonomamente, mentre la seconda necessita dell’intervento della propria banca – ma è comunque importante essere sempre a conoscenza della posizione del proprio device, oltre che possedere le app necessarie per poter eseguire tale reset da remoto. Abbiamo raccolto QUI le principali app per rintracciare uno smartphone smarrito e, nell’eventualità, eliminare qualunque dato salvato al suo interno, e siamo certi potranno risultarvi utili.

Non limitarti al mobile banking: scopri QUI tutte le app ed i trucchi per mettere al sicuro la tua identità online!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//