WhatsApp, in futuro gli account potrebbero indicizzare le pubblicità di Facebook (ed altre funzionalità in arrivo)

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

In un futuro non lontano, le informazioni personali dell’account di WhatsApp potrebbero essere utilizzate da Facebook per un’indicizzazione ancora più mirata delle pubblicità del social network: si tratta di quanto emerge dalle anticipazioni del canale Telegram @WABetaInfo, già autore in passato di esclusive rivelazioni sulla Beta dell’applicazione di chat.

Ma non si tratta dell’unica feature che verrà integrata: presto infatti WhatsApp integrerà anche un sistema di stickers per molti versi simile a quanto già visto su Telegram, tra set integrati nativamente e la possibilità di creare pacchetti proprietari.

Siete pronti per scoprire tutte le prossime funzionalità che WhatsApp introdurrà?

Le informazioni dell’account potrebbero essere condivise con Facebook

Si tratta molto probabilmente della più chiaccherata funzionalità di WhatsApp: scoperta già qualche mese fa, ma mai implementata, da molti detrattori dell’applicazione di chat venne indicata come la chiave di Mark Zuckerberg per penetrare la privacy degli utenti e permettere a Facebook di porre le mani sulle informazioni condivise nelle conversazioni private (questo naturalmente prima che venisse introdotta la crittografia end-to-end).

WhatsApp-informazioni-account-4
“Your account info won’t be used to improve your Facebook ads”

Naturalmente non possiamo esprimerci tanto leggermente su un tema così delicato: ciononostante il canale [email protected] ci permette di venire a conoscenza dell’esistenza effettiva di un’opzione abilitante lo scambio d’informazioni tra WhatsApp e Facebook. Gli screenshot segnalano infatti un’opzione denominata “Share My Account Info” che nella didascalia a corredo specifica che i dati prelevati non saranno utilizzati per l’indicizzazione di pubblicità interne a Facebook, salvo poi smentirsi nel pop-up successivo qualora l’utente decida di disabilitare tale feature.

WhatsApp-informazioni-account-3
Come potete notare, il pop-up contraddice la precedente didascalia

Molto probabilmente WhatsApp permetterà di collegare l’account dell’app di chat al proprio profilo Facebook, permettendo agli “amici” del social network di connettersi eventualmente al proprio account per avviare una conversazione; il lato negativo della medaglia sarebbe appunto l’utilizzo delle informazioni legate al proprio account per una maggiore indicizzazione delle pubblicità. L’opzione sembra non modificabile, in ogni caso.

Qualora si trattasse veramente di un fato tanto grave, WhatsApp dovrebbe modificare la propria privacy policy per procedere con l’implementazione – e probabilmente è per questo motivo che la feature rimane nascosta sin dalla versione 2.12.14 di WhatsApp per iOS).

WhatsApp-informazioni-account-2

Altre funzionalità nascoste riguardano specificatamente l’utilizzo di “simboli” di dimensioni superiori delle emoticons ed in bianco e nero; a fianco vi sarà anche l’introduzione di un badge per indicare la presenza di messaggi non crittografati correttamente qualora vi fossero degli errori nell’applicazione del protocollo.

WhatsApp-informazioni-account-7

Infine, anche gli stickers potrebbero presto fare la propria comparsa su WhatsApp, oltre che su Facebook e Skype, in un prossimo futuro: accessibili da una schermata che li suddivide tra “Featured” e “Collected“, rassomigliano principalmente ad emoji animate (simile al “cuore pulsante” già introdotto nell’app) che ad adesivi veri e propri; ciononostante gli utenti saranno in grado di crearne di propri, anche se non è chiaro come potranno essere implementati.

WhatsApp-informazioni-account-8
L’aspetto delle anteprime dei gruppi

AGGIORNAMENTO: Oltre a ciò, si aggiunge anche la possibilità di visualizzare l’anteprima del gruppo da cui il link d’invito è stato generato, proprio similmente a quanto accade con i collegamenti esterni all’applicazione. Una feature simile era stata introdotta da Telegram nell’ultimo update, anche se non nelle stesse proporzioni.

Piuttosto che attendere gli stickers di WhatsApp, scopri QUI come creare in pochi e veloci passaggi uno sticker su Telegram!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//