Google in partnership con Signal per aumentare la sicurezza di Allo

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

La sicurezza è diventata l’ossessione principale dei grandi sviluppatori di app di chat e Google, alla pari di quanto già Facebook aveva fatto con WhatsApp, ha deciso di avviare una collaborazione con Open Whisper System per potenziare il sistema crittografico su Allo. Un’altra partnership per gli sviluppatori di Signal che si aggiunge al loro curriculum ben fornito, ma che forse stride con l’intransigenza di Edward Snowden, da anni promoter della società di sviluppo e nemico delle multinazionali troppo invadenti nel campo della privacy.

Siete pronti per scoprire tutti i dettagli della partnership?

Allo potenzia la crittografia end-to-end grazie a Signal

La Open Whisper System è una società di sviluppo no profit che si occupa di elaborare e creare nuovi protocolli e standard di sicurezza da implementare in programmi ed applicazioni per rendere le comunicazioni private molto più semplici rispetto al passato, accessibili ad ogni utente.

Allo_Google_chat_app_Open_Whisper_System_2
Signal è disponibile sia per Android che per iOS

Sulla base di questo pensiero hanno dato vita a Signal, un’applicazione di chat che applica una pesante crittografia alle comunicazioni rendendole altamente sicure ed affidabili al punto tale che Edward Snowden, autore dello scandalo che espose l’NSA e le sue macchinazioni al pubblico internazionale, è collaboratore ufficiale della società. Ultimamente la Open Whisper System ha collaborato con Facebook per l’implementazione di un protocollo di sicurezza che ha rivoluzionato tutte le chat di WhatsApp, rendendole completamente schermate da intercettazioni attraverso la crittografia end-to-end.

A quanto pare sembra che lo stesso accadrà per Allo, la nuova app di messaggistica di Google presentata allo scorso Google I/O: attraverso un post sul proprio blog, la Open Whisper System ha annunciato che il Signal Protocol verrà integrato nella Incognito Mode di Allo, che così potrà provvedere comunicazioni schermate ad ogni utente così come avviene già su Signal e TextSecure.

Perchè solo nella Modalità Incognito?

Naturalmente la domanda è più che lecita: perchè Google desidera schermare le comunicazioni dei propri utenti solamente nella Modalità Incognito, e non anche nelle chat normali?

Allo_Google_chat_app_11
La Incognito Mode di Allo

Semplicemente perchè, così facendo, Google sarebbe impossibilitato dall’utilizzare il Google Assistant, il bot automatico che ascolta e sorveglia tutte le comunicazioni degli utenti. Una chat crittografata secondo la modalità end-to-end impedirebbe persino al chatbot di funzionare, privando sostanzialmente Allo della feature principale – e della possibilità di Google di controllare le comunicazioni degli utenti.

Scopri QUI tutto quello che occorre sapere su Allo, quali sono le sue feature e le caratteristiche principali!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime News sul Google I/O nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//