Le 10 cose che forse non sapete su Telegram e il suo fondatore – [Parte 2]

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Telegram è un’applicazione di messaggistica alquanto famosa, ma allo stesso tempo non possiamo dire che siano altrettanto conosciute le vicende che si nascondono dietro il successo suo e del suo fondatore, il russo Pavel Durov.

Abbiamo raccolto quindi un’interessante serie di aneddoti, curiosità e dati riguardo Telegram e il suo fondatore: dato che Mark Zuckerberg, nonostante tutti gli evidenti limiti tecnici dell’app di Facebook, è riuscito ad aggiudicarsi una pellicola cinematografica, riteniamo proprio che Durov meriti quantomeno un articolo sul nostro sito.

Siete pronti per scoprire tutti i segreti di Telegram? Potete recuperare la prima parte cliccando QUI.

#6 – Come si ottiene un canale certificato su Telegram?

Come molti avranno avuto occasione di notare, con l’update 3.7 Telegram ha introdotto anche i canali verificati, ossia canali ufficiali di testate giornalistiche, siti web, riviste e personaggi dello spettacolo.

Curiosità su Telegram e su Pavel Durov 10
Il canale di Durov

Per ottenere un canale verificato occorre possedere almeno altri due profili verificati su altrettanti social network: Telegram provvederà dunque a controllare l’affiliazione tra il canale e gli altri account e, qualora vi fosse corrispondenza, provvederà ad aggiungere il badge relativo. Potete notare come i canali ufficiali del quotidiano La Stampa e di Pavel Durov, oltre che il bot ufficiale di Forbes, possiedono tale riconoscimento.

#7 – Chi è Nikolai Durov?

Nonostante dietro al successo di Telegram si nascondano chiaramente il carisma e la capacità imprenditoriale di Pavel Durov, da solo questi non sarebbe mai stato in grado di fondare il social network VKontakt prima e successivamente Telegram, entrambi dotati dei propri protocolli di sicurezza rivoluzionari nonchè di una struttura tecnica d’avanguardia.

Curiosità su Telegram e su Pavel Durov 11
Una rara immagine di Nikolai

La grande fortuna di Pavel è stata di avere come fratello un personaggio come Nikolai Durov: nato nel 1980 e dunque più vecchio di quattro anni, Nikolai è un vero genio della matematica e della programmazione, autore della struttura di VK e del protocollo MTproto che si posiziona alla base di Telegram.

Non soltanto Nikolai può vantare nel proprio curriculum due PhD in algebra conseguite all’università di San Pietroburgo e di Bonn, una posizione da ricercatore presso l’Accademia delle Scienze Matematiche dello Steklov Institute e l’introduzione di nuovi elementi di geometria virtuale, ma anche tre medaglie d’oro conseguite alle Olimpiadi Internazionali di Matematica (nel triennio 1996-1998) e un oro e tre argento alle Olimpiadi Internazionali di Informatica (nelle edizioni avvenute dal 1995 al 1998). Certamente non si tratta di una persona qualunque.

#8 – Che cos’è il Craking Contest?

Il Craking Contest è un evento alquanto insolito che Telegram propone tutti gli anni per mettere alla prova la sicurezza della propria struttura, sfidando ogni dodici mesi tutti gli sviluppatori – nonchè i migliori hacker – a penetrare nelle difese delle chat segrete.

Curiosità su Telegram e su Pavel Durov 12
Pensate di essere più bravi? Dimostratelo!

Secondo Telegram infatti le proprie chat segrete, le quali sono attualmente protette da una crittografia a 256-byte, praticamente impenetrabile, sono talmente sicure da non temere il confronto con nessuno: a riprova di ciò viene posto un premio in denaro (nel 2015 ammontava a ben 300.000$, centomila in più rispetto all’anno precedente) in palio a colui o colei che riuscirà ad hackerare una chat segreta tra due utenti, prelevare i contenuti della conversazione nonchè gli orari di collegamento dei partecipanti ed inviare il tutto allo staff di Telegram. Esiste inoltre un premio secondario e del tutto indipendente del valore di 100.000$; il particolare più curioso però riguardo il Craking Contest è che nessuno ha mai reclamato la vincita, dato che i sistemi di crittografia si sono dimostrati più forti di qualsiasi attacco.

#9 – Quanto vale Telegram, e  quanto costa?

Telegram è un’applicazione in costante crescita in termini d’utenza e popolarità, e questo comporta un proporzionale aumento sia del valore intrinseco del brand e dell’applicazione, sia dei costi che occorre sostenere per mantenere i server, la struttura organizzativa nonchè il team di ingegneri incaricati di dare vita alle nuove features ideate dai fratelli Durov.

Curiosità su Telegram e su Pavel Durov 9
Telegram potrebbe valere un miliardo di dollari?

Non esistono stime ufficiali sul valore di Telegram ma, facendo un parallelo con altre due app di messaggistica molto famose (Viber e WhatsApp) e paragonando il loro livello di crescita, il prezzo a cui sono state vendute ed il numero di utenti, si ottiene una cifra approssimativamente intorno al miliardo di dollari. Più conosciuti sono invece i costi che la struttura impone per un corretto funzionamento: ogni mese Telegram preleva un milione di dollari dal conto corrente personale di Durov, stando a quanto lui stesso ha dichiarato.

#10 – Pavel Durov è ricercato?

Ufficialmente nè Putin nè il governo russo hanno mai presentato un mandato di cattura nei confronti di Durov, il quale comunque ha avuto alcune vicissitudini giudiziarie nei confini del proprio Paese natale.

Curiosità su Telegram e su Pavel Durov 1
Durov ha dovuto superare numerose vicissitudini

Prima del proprio auto-esilio, Durov fu accusato di aver investito un poliziotto mentre era alla guida della propria Mercedes bianca; la sua tesi difensiva – secondo la quale non avrebbe l’abitudine nè di guidare nè di spostarsi in macchina – non convinse la polizia, la quale seppe cogliere l’occasione di un rifiuto da parte del magnate di fermarsi ad un posto di blocco per procedere con una perquisizione della sede di VKontakte, anche se non riuscirono ad arrestarlo dato che Durov aveva lasciato il Paese già da qualche giorno.

Curiosità su Telegram e su Pavel Durov 13
La foto pubblicata su VK il giorno dopo le richieste ufficiali del governo di maggiore collaborazione

Si trattava comunque della classica goccia che fece traboccare il vaso: nel corso della sua presidenza presso VKontakte Durov fu più volte accusato – fondatamente – di dare sostegno aperto ai dissidenti ucraini fornendo loro una piazza virtuale nella quale confrontarsi ed organizzarsi, sbeffeggiando le richieste del governo di maggiore collaborazione con una foto di un cane nell’atto di uno sberleffo.

Non accontentarti: scopri QUI tutto quello che occorre sapere per guadagnare membri sul proprio canale Telegram!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime notizie su Telegram nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//