Top7 app per guadagnare con le foto (ed eventualmente trovare un lavoro) – R&R

Riuscire a trovare un’app per guadagnare con le foto scattate con il proprio smartphone non è assolutamente semplice, non soltanto perchè l’offerta da parte degli sviluppatori è molto vasta e dunque è possibile scaricare sia un’app dai validi contenuti che un prodotto la cui qualità può lasciare molto a desiderare, ma anche perchè i pareri a riguardo possono essere estremamente discordanti.

Con la nostra R&R sulle migliori app per guadagnare con le foto vi mostreremo dunque quali sono le principali app dei più famosi servizi di vendita di immagini – su Internet, nel mondo e in Italia-, le possibilità di guadagno e soprattutto la struttura dell’applicazione stessa; molte delle app che abbiamo recensito aprono la porta (nei casi in cui la bravura sia manifesta) ad un eventuale lavoro da fotografo professionista, ed anche se si trattano di casi-limite vi lasciamo aperto anche questo spiraglio di speranza.

Siete pronti per scaricare le migliori app per guadagnare con le foto?

07 – Dreamstime: Sell Your Photos

Dreamstime è l’applicazione dell’omonimo sito: si tratta di uno dei più vasti e completi cataloghi di foto stock del mondo, ed ogni fotografia caricata all’interno dell’applicazione viene automaticamente associata anche al portale web.

L’applicazione è assai scarna ed estremamente essenziale nella sua struttura: dall’interfaccia è possibile caricare le proprie immagini – ma obbligatoriamente dalla galleria, dato che non è stata integrato l’otturatore come input di file multimediali – gestire il proprio profilo, le entrate attuali (che verranno saldate solamente al raggiungimento dei primi 100$) e le task pendenti, ossia le fotografie caricate a cui dovranno essere associate una o più parole chiave per permettere agli acquirenti interessati di trovare la vostra immagine.

Purtroppo l’applicazione risulta essere assai meno funzionale del sito: è del tutto assente la sezione di navigazione tra le immagini presenti nel dominio (e non sarebbe stata una brutta idea, permettendo all’utente di rendersi conto dell’offerta della concorrenza) e di conseguenza l’app, ruotando solo attorno ai creators, perde molta della sua potenzialità.

PRO: vasto pubblico a cui sottoporre le proprie creazioni, schermata diretta e da cui gestire ogni aspetto del proprio profilo

CONTRO: del tutto assente la sezione di navigazione, 100$ paiono un po’ troppi come primo limite

Dreamstime su Google Play

06 – Pixels

Pixels, nonostante il nome, non deve trarre in inganno: l’app non possiede alcuna affiliazione con la pixel art, bensì è piuttosto una piattaforma dalla quale gli artisti, nel senso più letterale del termine, possono mettere in vendita la propria arte a mecenati ed interessati, ricavandone anche cifre considerevoli.

Pixels infatti non si rivolge esclusivamente a fotografi (e di conseguenza non è nemmeno classificabile pienamente come app per guadagnare con le foto) ma anche a pittori, disegnatori ed illustratori permettendo loro di vendere non le proprietà di sfruttamento commerciale degli scatti o dei lavori, bensì tele, cartoline e stampe che un utente può acquistare nel formato e nelle dimensioni desiderate. L’app provvede a registrare la consegna del cliente e questa viene generalmente soddisfatta entro una settimana lavorativa, in particolar modo se si tratta di oggetti di ampie dimensioni. L’offerta è davvero molto ampia e bisogna possedere un notevole senso artistico, nonchè delle spiccate capacità di scatto.

PRO: portale dedicato ad artisti e fotografi dotati di una particolare sensibilità, possibilità di guadagno molto alte

CONTRO: non adatto ad un fotografo principiante, difficilmente le capacità di uno smartphone potrebbe venire incontro alle esigenze del pubblico

Pixels.com su Google Play

05 – Clashot

A metà strada tra Instagram e uno store digitale di immagini, l’applicazione possiede sia un sistema di social networking fotografico che un avanzato e professionale modello di vendita degli scatti, adatto sia a fotografi emergenti che a professionisti del settore.

La registrazione del proprio profilo è infatti molto più avanzata che altrove: per qualificarsi come creatore di contenuti l’utente deve inserire dettagliate informazioni di contatto, tra cui persino una scansione del passaporto per testimoniare la propria identità; le immagini vengono protette da un regime di copyright molto serio, e tutti gli scatti sono coperti da un watermark che scompare al momento dell’acquisto. Una nota più negativa che positiva coinvolge il social network a cui tutti gli utenti possono partecipare: affine ad Instagram (ad ogni immagine può essere associato un hashtag e una descrizione, un commento e un “mi piace“), sembra oscurare in parte su mobile il sistema di vendita a favore di una semplice condivisione pubblica delle immagini.

PRO: Impostazioni molto approfondite, sistema di copyright serio, social network divertente ed appassionante

CONTRO: il social network forse distrae dallo scopo principale

Clashot su Google Play

04 – Whoosnap

Applicazione de tutto italiana, Whoosnap è la risposta del BelPaese alla strabordante offerta da parte della concorrenza straniera delle app per guadagnare con le foto; se dunque le altre applicazioni permettono di mettere le proprie foto a disposizione di un pubblico più ampio, allo stesso modo Whoosnap mette in contatto il fotografo professionista o esordiente con un sistema-paese molto più ristretto e di conseguenza meno concorrenziale.

L’applicazione si suddivide in più categorie, tutte raggiungibili comodamente dalla dock bar grazie ad un sistema a schede: nella prima sono visualizzati gli annunci nazionali, ossia concorsi a cui tutti i residenti in Italia possono partecipare seguendo la traccia messa a disposizione dagli organizzatori; altrimenti sono sempre disponibili nel proprio territorio annunci locali, a cui sono ammessi solamente gli abitanti delle vicinanze e caratterizzati da premi più piccoli ma allo stesso tempo più facili da conseguire. Ogni immagine viene comunque caricata nel sistema e il committente, se interessato, potrà comunque comprare i diritti di sfruttamento della foto – ma non quelli d’autore – ed eventualmente assegnare un lavoro specifico per il fotografo.

PRO: app italiana e specifica per il mercato italiano, meno concorrenza, possibilità di piccoli ma immediati guadagni e di carriera

CONTRO: è necessario mantenere sempre abilitato il GPS, la grafica potrebbe essere migliorata

Whoosnap su Google Play

03 – Snapwire

A partire dalla terza posizione della nostra classifica delle migliori app per guadagnare con le foto, iniziano ad apparire le applicazioni dedicate più a professionisti che a principianti, nonostante rappresentino un ottimo terreno di prova e offrano ampie possibilità di carriera.

Snapwire infatti basa gran parte del proprio funzionamento sulle collaborazioni con i grandi marchi del commercio e dell’editoria americani: l’app possiede una buona suite grafica che si concentra principalmente nel menu laterale, dal quale accedere alle sezioni dedicate alla visualizzazione degli annunci in corso (all’interno della voce “Challenges“, i cui guadagni variano da un minimo di 25$ a più di 100$) ed ai lavori dei più quotati fotografi iscritti al servizio; è inoltre possibile cercare le task più specifiche accedendo alla scheda “Brand” e selezionando l’azienda alla quale si vuole inviare un proprio elaborato. Non occorre possedere strumentazioni particolarmente tecnologiche – la fotocamera dello smartphone è più che sufficiente, ma piuttosto inventiva, originalità e conoscenze abbastanza approfondite sul funzionamento ed i parametri di esposizione. Se volete saperne di più, cliccate QUI per scoprire i 14 suggerimenti per scattare belle fotografie con lo smartphone.

PRO: grafica elegante, alte possibilità di guadagno, collaborazioni con i grandi marchi

CONTRO: il mercato è esclusivamente statunitense o quantomeno straniero

SnapWire su Google Play

02 – Shutterstock Contributor

App per guadagnare con le foto ma soprattutto applicazione ufficiale del famosissimo sito Shutterstock, quest’applicazione mette a disposizione un pubblico terribilmente ampio per le proprie immagini, con probabilità di vendita alquanto alte ma solamente se l’utente è in possesso di particolari doti fotografiche.

Ottima app, ma solo per seguire l’andamento dei propri scatti

L’applicazione è estremamente semplice, anche se funzionale allo scopo: suddivisa in quattro schede, Shutterstock Contributor consente di visualizzare le proprie attività, caricare i propri scatti e controllare i guadagni, oltre che proteggere il copyright dei propri lavori. Anche in questo caso l’app non presenta la sezione di navigazione delle foto in offerta, ma tale difetto viene supplito in parte dal nome del brand.

PRO: pubblico molto vasto, essenziale ma non trascurata

CONTRO: per navigare tra le immagini della concorrenza occorre installare un’app a parte

Shutterstock Contributor su Google Play

01 – EyeEm

EyeEm è certamente la migliore app per guadagnare con le foto, e possiede tutte le qualità delle precedenti posizioni senza però condividerne i difetti: dotata di una grafica estremamente curata, EyeEm consente di raggiungere ogni aspetto della fotografia mobile da un’unica interfaccia, suddivisa a schede.

L’utente può navigare difatti tra le immagini caricate dagli altri utenti ed acquistare le proprie preferite, seguire i fotografi più famosi e partecipare alla prima missione, ossia inviare la propria foto ad un concorso internazionale seguendo specifici punti cardine (brillantezza dei colori, soggetto, tema…) ed eseguendo in tal modo l’upgrade del proprio profilo. L’app infatti suddivide gli utenti normali da quelli iscritti al programma “EyeEm Market“, il quale permette di vendere i propri scatti a committenti privati ed anche a brand internazionali. Praticamente EyeEm è l’app per guadagnare con le foto perfetta, poichè unisce un social network fotografico ad un sistema di vendite professionale, che può essere implementato dai suggerimenti dei grandi fotografi.

PRO: Grafica molto curata, sistema di vendita professionale, social network interno simpatico

CONTRO: nessuno degno di nota

EyeEm su Google Play

Non ti accontenti di queste app per guadagnare con le foto? Scopri QUI le migliori app per guadagnare soldi veri con Android!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a myjob@appelmo.com, e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime R&R nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

App per guadagnare con le fotoEyeEm
Commenti (0)
Aggiungi commento