NOma, la realtà virtuale per ricordare le vittime della mafia – Spunti di Recensione

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

La mafia è sicuramente un affare serio: si tratta di una vera e propria piaga sociale che coinvolge ogni città del mondo conosciuto, ma storicamente è un fenomeno riconducibile al Meridione d’Italia; proprio per ricordare le vittime che la mafia ha provocato nella lotta che da decenni alcuni coraggiosi hanno svolto – e continuano tutt’ora a farlo – per arginarne il potere di intimidazione nei confronti della popolazione, un’associazione di sigle importanti coordinata da TIM ha sviluppato l’applicazione NOma per aiutare chiunque, non soltanto gli abitanti di Palermo (dove l’app virtualmente si colloca), per venire a contatto con un mondo di eroi solitari che spesso la Storia, al di fuori di quella squisitamente locale, ha dimenticato o quantomeno ridotto nella loro portata.

Noi naturalmente non siamo storici ma esperti di applicazioni: siete pronti a scoprire come NOma sfrutta abilmente la realtà aumentata, le foto a 360° e la modalità split-screen per inserire nelle schermate video e fotografie?

Che cos’è NOma

NOma è un’applicazione sviluppata da un consorzio di aziende ed associazioni che ha deciso di mettere a disposizione di tutti i cittadini, italiani e stranieri (perchè l’app è disponibile anche in inglese) un portale da consultare non solo per ricordare le numerose vittime causate dalla lotta alla mafia, ma anche per essere guidati, nelle strade di Palermo, all’interno dei luoghi che furono i teatri degli omicidi, oltre che conoscere i negozi che hanno aderito all’associazione Addiopizzo e che coraggiosamente si rifiutano di versare il pizzo alla mafia.

NOma Android app 2

L’app è nata dal progetto di Pif, che ha dedicato un film alla lotta alla mafia, e dalle risorse messe a disposizione di TIM e RAI Teche; gli sforzi, ma sopratutto le risorse sono state fondamentali per realizzare un’applicazione esteticamente ben fatta, dotata di una grafica flat ma vivace, una struttura a schede scorrevole ed un sistema di geolocalizzazione che permette di raggiungere agevolmente i percorsi indicati. NOma si struttura in tre sezioni: la più interessante è sicuramente la prima, dove sono raccolte le vicende di 15 personaggi, tra cui il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, i giudici Falcone e Borsellino, il governatore della Sicilia Piersanti Mattarella e poi ancora Giuseppe Puglisi; ogni storia è raccontata da diversi personaggi dello spettacolo – Pif, Fiorello, Pippo Baudo – i quali mettono a disposizione la propria voce per guidare gli utenti in un tour virtuale sui luoghi degli attentati mafiosi.

NOma Android 2

Ogni scheda presenta una biografia della vittima ed i necessari collegamenti per essere condotti nei luoghi specifici – ma solo attraverso la geolocalizzazione, e dunque solo se si risiede in Sicilia – ma tappando sulla voce “Visita 360°” è possibile non solo sfruttare la realtà virtuale delle foto a 360° per una visita dal proprio salotto di casa, ma anche per vedere, attraverso ricostruzioni animate, la dinamica degli omicidi, visionare foto e video d’epoca, ascoltare le interviste ai familiari.

NOma Android 4

La seconda scheda “Il progetto” è un semplice ma utile vademecum per ricordare tutte le persone che hanno contribuito alla creazione di NOma, mentre la terza sezione permette di conoscere tutti gli esercenti che hanno aderito all’associazione Addiopizzo e che rifiutano di pagare ogni tipo di tangente alla mafia. Sono disponibili 11 categorie per più di 500 negozi.

Pro e Contro

L’applicazione presenta numerosi lati positivi: oltre naturalmente allo scopo estremamente positivo che ne ha sancito la realizzazione, NOma possiede una grafica ben strutturata, colorata ma non per questo rumorosa grazie all’aderenza nelle forme allo stle flat; rapida nell’esecuzione, combina la realtà virtuale in maniera eccellente con altre forme d’iterazione visiva – ricostruzioni animate sul filmato, split-screen e fotografie – per inviare in maniera rapida e diretta il messaggio allo spettatore, oltre che raccontare senza annoiare storie di uomini ed eroi.

NOma Android 1

Il lato negativo è principalmente costituito dal peso: ogni episodio consta di numerose decine di MB, e non sarà difficile raggiungere i 300MB. Inoltre sembra che alcuni smartphone, come lo Zenfone 2, presentino problemi di compatibilità.

Scopri QUI Whoosnap, l’applicazione per guadagnare scattando fotografie!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè i prossimi Spunti di Recensione nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//