#Applefun: Le 5 migliori pubblicità ufficiali Apple vs Android

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Non soltanto gli utenti Android dotati di senso dell’umorismo (e vi possiamo assicurare che sono davvero tanti) e gli Apple users dotati di auto-ironia (e questi ultimi invece non sono così diffusi): anche le grani major del settore della telefonia si sbizzarriscono spesso in spot che negli ambienti professionali vengono definite “pubblicità comparative” delle quali, sebbene non siano vietate, in Europa se ne tende a fare un uso estremamente limitato rispetto che in America (ed è proprio per questo motivo che solo alcuni dei video che vi mostreremo in questo #Applefun saranno mai comparsi nelle televisioni italiane).

In Europa si  tendono ad utilizzare le pubblicità comparative implicite, che non citano direttamente il prodotto avversario ma si limitano ad evocarlo attraverso oggetti o situazioni, mentre negli Stati Uniti le pubblicità comparative esplicite sono molto più sfruttate come veicolo di marketing, e storici sono stati gli spot che hanno segnato le battaglie tra Coca-Cola e Pepsi.

In questo #Applefun abbiamo quindi provveduto a raccogliere le migliori 5 pubblicità Apple vs Android trasmesse al grande pubblico, indipendentemente che abbiano fatto comparsa anche in televisione.

Siete pronti a scoprire tutte le migliori pubblicità Apple vs Android?

#05 – Android: Wear what you want

Nonostante questo video di pochi secondi, una pubblicità ufficiale di Android, possa sembrare completamente innocuo, la realtà è ben diversa

Questo spot fu infatti rilasciato in occasione dello scorso Keynote Apple, l’evento durante il quale venne annunciato l’Apple Watch: all’interno della pubblicità, in cui vengono presentati gli smartwatch dei principali produttori del momento (Motorola, LG, Samsung, Sony e la new-entry Huawei), Google non perde l’occasione di ripetere il proprio motto – “Be Together, not the same” – sottolineando in questo modo la grande varietà di prodotti compatibili con il proprio sistema operativo, al contrario di iOS dove naturalmente Apple Watch regna incontrastato. Una frecciata sottile ma notevole.

#04 – Samsung Galaxy S4

La quarta, terza e seconda pubblicità Apple vs Android vedono protagonista Samsung, la casa produttrice di smartphone Android che nel corso del tempo ha saputo creare una strettissima rivalità con la casa di Cupertino, complici le reciproche cause giudiziarie nelle quali ciascuna casa accusava la rivale di aver plagiato il proprio design.

Tra le tante pubblicità rilasciate in occasione dell’uscita del Samsung Galaxy S4, il Top di Gamma della casa coreana di due anni fa, ve ne fu una in particolare che andava a colpire Apple in uno dei simboli più caratteristici della fanatica devozione dei suoi utenti: le code all’esterno degli Apple Center al momento del rilascio del nuovo modello di iPhone.

Paragonando la fila virtuale che Samsung aveva provveduto a creare durante il countdown del Galaxy S4 – in cui gli utenti venivano rappresentati graficamente in un murales digitale in continuo aggiornamento, in cui la precedenza nella fila era data dal numero di condivisioni che ogni appassionato dedicava alle notizie riguardanti lo smartphone Samsung – a quelle fisiche dei punti vendita Apple, la voce narrante deduce che Samsung tenga molto di più ai suoi clienti rispetto alla casa di Cupertino, che costringe i propri fedelissimi utenti ad ore di coda in balia degli eventi atmosferici.

#03 – Samsung Galaxy Note

Un altro spot Samsung, un’altra pubblicità che prende coinvolge le code all’esterno degli Apple Center: ma questa volta il ritmo è decisamente più frizzante.

In questo video alcuni utenti Apple, in fila per un dispositivo non ben definito della casa della mela morsicata, vengono avvicinati da un ragazzo che mostra loro l’ultimo modello (si fa per dire, ovviamente) del Samsung Galaxy Note. La reazione è sorprendente: non solo l’intera fila rimane estasiata dalle sbalorditive (si fa ancora per dire) funzionalità del phablet Android, ma decide di abbandonare iOS per passare al sistema operativo di Mountain View (passaggio simbolicamente rappresentato dall’abbattimento delle ringhiere di metallo che delimitavano la fila) nell’euforia generale. Se consideriamo che questa pubblicità venne trasmessa durante il Super Bowl, l’evento più seguito degli Stati Uniti, allora possiamo ben capire come Samsung punti molto alla rivalità con Apple per promuovere i propri prodotti.

La scena clou? L’indiano che, abbattendo un’inferriata con un calcio, urla: “FREEEDOM!”

#02 – It doesn’t take a genius

Samsung fa davvero sul serio: la web-serie It doesn’t take a genius, in cui due addetti Samsung simulano puntualmente il confronto tra i dispositivi Samsung e quelli Apple su determinati aspetti – in questo caso il live-streaming – raggiungono livelli di comicità da manuale che forse non ci saremmo aspettati dalla casa coreana.

Semplice ma efficace: il secondo addetto, che rappresenta virtualmente un device Apple, parla a scatti, bloccandosi frequentemente ma negando al contempo l’evidenza ogni qualvolta che il primo attore – un dispositivo Samsung – gli chieda se stia davvero laggando durante un live-streaming. Sottolineando in questo modo la capacità di Samsung di supportare lo streaming di eventi live molto più fluidamente dei prodotti di Cupertino.

#01 – Don’t fight

Il vincitore di questa classifica? Stranamente non è la creazione di una casa produttrice di smartphone Android, bensì di Windows Phone: Microsoft ha realizzato il più divertente spot di Android vs Apple.

Quale evento  può scatenare una colossale rissa tra utenti Android ed Apple? Quello più inatteso: un matrimonio, nel bel mezzo del quale il dileggio reciproco che i due schieramenti si rivolgono degenera in uno scontro a mani nude, tra colpi di karate e calci volanti. I vincitori sono naturalmente i camerieri, utenti Windows Phone.

La scena clou? Il vecchio che, nascosto sotto un tavolo, chiede a Siri di cercare “Karate” su Safari, senza che l’assistente vocale di Apple riesca a capire.

Chi paga meno tasse? Apple o Google? Scoprilo nel nostro #Applefun!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime puntate di #Applefun nè gli altri articoli di AppElmo (e sappiamo che non volete), allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter, sulla nostra pagina Google Plus, sulla nostra rivista Flipboard e sul nostro canale Telegram oppure, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//