Family Store, YouTube e Google Maps offline: le altre novità del Google I/O 2015!

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Abbiamo parlato già ieri delle grandi novità introdotte dal Google I/O durante il Keynote, ossia la conferenza introduttiva dell’evento che ha il compito di illustrare in generale gli aspetti più importanti (e più attesi dagli utenti), lasciando poi alle conferenze del giorno successivo la possibilità di approfondire determinati aspetti.

Se vi siete persi qualche novità su Android M, il servizio di archiviazione illimitata di file multimediali denominato Google Photos o sul futuro update di Google Now denominato Now on Tap, allora cliccate QUI per leggere tranquillamente in un’altra finestra il nostro articolo redatto a riguardo.

Naturalmente, nel tempo in cui i manager di Google si sono avvicendati sul palco del Moscone Center, sono state presentati un numero ben maggiore di features e novità: YouTube, Google Maps e il Play Store sono stati al centro di alcune importanti delucidazioni, specialmente per quanto riguarda i futuri investimenti della compagnia di Mountain View nei Paesi in via di sviluppo la cui connettività non è ancora in grado di supportare grandi esigenze di rete; non solo Facebook con Internet.org e Facebook Lite, dunque.

Pronti per scoprire tutte le altre novità presentate al Google I/O?

Family Store

Un’implementazione che era già stata annunciata non solo dai rumors che avevano preceduto l’evento, ma anche dal progetto Youtube for Kids che aveva lanciato una versione del noto sito unicamente per bambini, con contenuti adatti alla loro età. E con il Family Store la famiglia di prodotti destinati ai più piccoli si allarga, con il relativo sollievo dei genitori.

Family Store Google IO 2015 2
Dai Peanuts a (App)Elmo!

Il Family Store sarà una versione riadattata del Play Store, grazie al quale i genitori potranno affidare ai propri figli la gestione delle applicazioni senza il timore che possano compiere acquisti accidentali o scaricare applicazioni inappropriate: oltre ad un sistema di filtraggio delle ricerche, il Family Store intratterrà i bambini con i personaggi più noti del mondo dell’animazione, farà ampio uso di password – da inserire prima degli acquisti – per prevenire spese accidentali e suddividerà le proprie schede non solo per categorie, ma anche per età, da quella prescolare sino ad una più matura.

Family Store Google IO 2015 1
Più sicurezza per i genitori

Non è stata comunicata ancora una chiara data data di rilascio, ma si suppone che sia una questione di qualche giorno, dato che Google Photos, ad esempio, è stato reso immediatamente disponibile, dal momento esatto dell’annuncio.

YouTube

Particolare risalto ha avuto anche YouTube che, durante il Keynote è stato citato per quanto riguarda la posizione assunta da Google nei confronti dei Paesi emergenti o tecnologicamente arretrati quali Russia, Messico, India e Brasile, solamente per citarne alcuni.

YouTube offline Google IO 2015 2
Elenco dei Paesi in sottosviluppo tecnologico

La tecnologia di compressione dati che Google ha sviluppato ed implementato sarà importata in queste aree in cui le risorse, pur scarse, saranno sfruttate al massimo per ottenere prestazioni più che soddisfacenti: qui in Italia possiamo dunque rammaricarci di essere inseriti tra i Paesi più progrediti nel settore delle infrastrutture tecnologiche, nonostante le connessioni siano veloci quanto quelle afghane. Ironia a parte, i numeri annunciati sono confortanti: il download verrà aumentato sino a quattro volte la sua potenza originaria, e anche la RAM utilizzata sarà ridotta sino ad 80MB nei devices con 512MB di memoria RAM in totale. Niente male!

YouTube offline Google IO 2015 1
YouTube offline? Not for Italy

E qui viene introdotta la feature più attesa: YouTube supporterà il salvataggio offline dei video, che potranno essere scaricati e visualizzati per un tempo massimo di 48 ore, dopodichè si cancelleranno automaticamente. Sfortunatamente questa funzionalità verrà lanciata nei Paesi sopra citati, ma speriamo che in un futuro non lontano verranno considerati anche i territori dell’Occidente industrializzato.

Se però non sapete come arrivare a fine mese con i 2GB di traffico dati, allora è meglio che diate un’occhiata QUI ai nostri Saggi Consigli su come risparmiare MB ogni mese tramite piccoli accorgimenti!

Google Maps

Anche Google Maps sarà offline: questa è certamente la notizia più incoraggiante di tutte, dato che non si tratterà di un’esclusiva dei Paesi in via di sviluppo, ma di tutto il mondo.

Google Maps Google IO 2015 1
Finalmente Google Maps offline!

Google Maps interessa infatti un vasto capitolo sulle spese di consumo quotidiano: il navigatore satellitare esige un enorme tributo in termini di Internet, e la possibilità – che al Google I/O hanno annunciato che verrà introdotta entro la fine dell’anno – di poter salvare sul proprio smartphone le mappe di determinate regioni – un po’ come già avviene con i pacchetti di traduzione di Google Translate – contribuirà a far calare in maniera netta e decisa il dispendio di MB. Le mappe offline inoltre conterranno all’interno anche le indicazioni vocali del navigatore, in modo da non dover rinunciare a nessuna comodità; a questo punto però ci sorge spontanea una domanda: a quanto ammonteranno, in termini di spazio, i file aggiuntivi che sarà necessario scaricare per avere le mappe offline?

Meglio non saperlo.

Non per fare i bastian contrario, ma il nome ufficiale di Android M non è stato ancora svelato: noi abbiamo fatto le nostre previsioni, passa QUI per votare quella che ti convince di più!

Vorresti scrivere per AppElmo? Mettiti in gioco: stiamo cercando collaboratori! Scrivi a [email protected], e dai un’occhiata QUI per le modalità di contatto. Non essere timido!

Se non volete perdervi nè le prossime novità sul Google I/O (e fidatevi, ce ne sono ancora tante!) nè gli altri articoli di AppElmo, allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema).

Oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter e sulla nostra pagina Google Plus, o, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar! Grazie mille!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//