#Applefun: quando la Apple rovina la spada laser di Star Wars

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Se pensavate di averle già sentite tutte, probabilmente questa notizia saprà sorprendervi: la tanto discussa spada laser che chiunque nel mondo ha potuto ammirare nel trailer del film Star Wars Episodio VII: Il risveglio della forza, non è stata il frutto del genio visionario di J.J. Abrams, il regista della nuova trilogia. O, meglio, non del tutto: il principale referente in tema di design all’interno della Apple, Jonathan Ive, sembra aver giocato un ruolo fondamentale nell’ideazione dello stile della lama Sith. Come, dove e perchè ve lo spieghiamo noi, in questo scoppiettante #Applefun!

Le rivelazioni

newyorker-logo
Anche i gentleman si aggiornano

L’interessante aneddoto è stato riportato sulle pagine del quotidiano The New Yorker, all’interno del quale il giornalista Ian Parker ha pubblicato un lunghissimo articolo riguardo l’evoluzione del design dei prodotti Apple: non solo iPhone, ma anche Mac e iPod. In verità gran parte del pezzo si concentra sulla figura di Jonathan Ive, il quale ha contribuito in maniera decisiva e concreta allo sviluppo della casa di Cupertino, tanto che Steve Jobs, secondo la biografia di Walter Isaacson, disse a riguardo:

“Lui è quello con più potere esecutivo in tutta la Apple, dopo di me.”

Jonathan Ive

Jonathan Ive, Apple e la spada laser 8
Jonathan Ive

A quarantanove anni, Jonathan Ive, chiamato anche Jony dai suoi connazionali, può vantare una carriera veramente notevole: Senior Vice President of Design all’interno della Apple, curatore della nuova veste grafica di iOS 7 e Comandante dell’Ordine dell’Impero Britannico, Ive vanta numerose amicizie non soltanto nel mondo della tecnologia, ma anche dello spettacolo e della televisione (come J.J. Abrams, per esempio). I suoi maggiori successi riguardano i prodotti di punta della Apple: iMac, MacBook, iPhone sono tutte creazioni scaturite dalla mente di questo designer, che, tra le altre cose, ha ideato lo stile Unibody.

Un party troppo alcolico

Jonathan Ive, Apple e la spada laser 10
J.J. Abrams, regista della prossima trilogia di Star Wars

Ive non si fa scrupoli nel raccontare quanto sia successo in una notte “un po’ troppo alcolica” che ha avuto luogo ad un party a New York, nel 2013: ad un certo punto Jonathan e Abrams si sarebbero ritrovati a parlare a proposito della spada laser rossa che, successivamente, sarebbe stata inserita nel trailer.

Consigli specifici

Jonathan Ive, Apple e la spada laser 5
La spada laser con la guardia

Ive avrebbe dunque consigliato al regista non certo di inserire un’elsa tipica degli spadoni medievali, ma piuttosto di rendere i contorni dell’arma Sith meno definiti, “spitty“: frastagliati, appunto. Secondo il designer di Cupertino infatti le spade laser presenti nei film precedenti risultavano troppo definite, e, di conseguenza, poco realistiche e meno minacciose. Una ridefinizione dei bordi avrebbe invece reso l’arma “più analogica, più primitiva, e dunque più minacciosa”. 

Onestamente non sappiamo dirvi quanto ciò possa essere vero: che le spade laser fossero più definite nei film precedenti non è certo un segreto: quando vennero girati i primi capitoli della saga infatti la tecnologia degli effetti speciali era ancora troppo primitiva per poter permettere una miglior distribuzione del colore, e nei film successivi la spada laser mantenne sempre il suo solito profilo definito. Che era andato bene a chiunque fino a che Jonathan Ive (e, per estensione, la Apple)  non ci ha messo il naso: la reazione dei fan, che ora hanno qualcuno a cui attribuire la colpa per la lama “spitty“, all’uscita del trailer non è stata di certo positiva (come testimonia l’enorme quantità di meme diffusi su Internet; potete trovarne alcuni nella galleria sottostante). Speriamo solo che Abrams abbia imparato a frequentare migliori compagnie.

Se non volete perdervi nè le prossime puntate di #Applefun nè gli altri articoli di AppElmo, allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema), oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Twitter e sulla nostra pagina Google Plus, o, in alternativa, potete sempre scaricare la nostra app da Google Play, cliccando QUI o sull’immagine nella sidebar!

[wysija_form id=”3″]

Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//