RedHead Redemption: zombie, meme e mitra – Recensione

Iscriviti per ricevere una notifica ogni volta che pubblichiamo un articolo che non puoi davvero perderti! Disturbiamo poco, informiamo molto.

Vi parlammo già, in QUESTO articolo, di RedHead Redemption, e in quell’occasione vi promettemmo che avremmo scritto una recensione sul gioco. Poichè ogni promessa è debito, abbiamo passato le ultime settimane a testare il gioco Android di 9GAG, ignorato stranamente dalla stragrande maggioranza dei siti italiani; Il nostro parere sul gioco è… Beh, dovrete leggere il resto della recensione per scoprirlo. Sappiate però che, nonostante i survival-zombie siano un genere ampiamente trattato su Android, anche questo gioco può essere in grado di dire la sua in un settore non ancora del tutto saturo.

Una bambina dai capelli rossi, un bambino esperto di esplosivi e dei genitori in fuga: gli elementi necessari per creare RedHead Redemption!

RECENSIONE

MEMORIA – 4

RedHead Redemption Recensione 2

RedHead Redemption Recensione 3

RedHead Redemption occupa complessivamente 66MB se installato unicamente nella memoria del telefono; se invece si deciderà di spostare l’app sulla scheda SD, l’ingombro calerà sensibilmente, scendendo a 24MB. Un risultato comunque niente male, considerando il numero di livelli disponibili, più di 300 (considerando che ogni livello possiede la sua controparte nella modalità Nightmare).

CONSUMO ENERGETICO – 3.5

RedHead Redemption Recensione 5

RedHead Redemption, in un quarto d’ora di estenuante caccia allo zombie e massacri di orsi ha consumato il 6% della batteria, ed è ipotizzabile che in una sessione di gioco dalla durata di un’ora il consumo si attesterebbe sul 23-25%. Non poco, se consideriamo che il gioco non richiede una connessione Wifi.

RAM – NEGATIVO

[alert color=”FF2400″]Così come abbiamo scritto nella nostra Struttura di una recensione, la voce RAM in una recensione è un fattore estremamente variabile da misurare e, di conseguenza, assegnare un voto sarebbe un compito assai difficile, se non addirittura impossibile, perchè impostato su giudizi personali e/o arbitrari. Per questo abbiamo deciso di attribuire a questa sezione non una votazione, bensì una valutazione, positiva o negativa, in base alle nostre considerazioni.[/alert]

RedHead Redemption Recensione 4

Siamo d’accordo nel considerare RedHead Redemption un gioco impegnativo, ma non sino al punto da poter occupare impunemente 166MB della memoria RAM. Che su 2GB dichiarati non saranno molti, ma se considerati per un gioco la cui grafica molto cartoonesca non prevede azioni fluide nè da parte dei protagonisti, nè degli zombie… Cominciano ad essere parecchi.

FUNZIONALITÀ – 5

RedHead Redemption Recensione 6

Il gioco ci è piaciuto, ed anche molto. RedHead Redemption non è infatti il classico, e noioso, gioco survival zombie che possiamo normalmente trovare sul Play Store; o meglio, è anche un classico gioco a tema zombie, ma non solo.

RedHead Redemption Recensione 4

RedHead Redemption è infatti un sapiente concentrato di umorismo 9GAG, applicato poi ad uno dei generi più sfruttati nell’ambito videoludico, cinematografico e da qualche tempo anche letterario, l’apocalisse zombie. Senza alcun preavviso infatti una ragazza dai capelli rossi di 14 anni, di nome May, e suo fratellino Georgie vengono catapultati (senza neanche sorprendersi troppo) nel bel mezzo di una frenetica corsa alla ricerca dei genitori, che, in perfetto stile “modern parenting”, li hanno avvisati del pericolo imminente attraverso un SMS. A completare il trio ci pensa Gaggy il gatto, che capiterà nel bel mezzo del gioco per aiutarvi con il cannone impiantato sulla schiena, sempre che siate abbastanza svelti per accostarvi a lui e far scattare il bonus.

RedHead Redemption Recensione 9

La meccanica di gioco è quella di un classico sparatutto a binari, la cui prospettiva è l’opposta, per fare un esempio noto a tutti, a quella di Space Invaders: non sono infatti i nemici a calare su di noi dall’alto, bensì siamo noi a fuggire da loro, in un’estenuante corsa contro le loro bocche affamate. Paradossalmente, gli zombie umani costituiranno il pericolo minore: nei livelli del secondo capitolo, ambientato nella Natura Selvaggia, orsi giganteschi, cinghiali velocissimi e bufali (in una foresta?) indistruttibili saranno il vostro peggior nemico, e la peggiore fonte di frustrazione. Lo scopo del gioco infatti, oltre che arrivare sani e salvi alla fine del livello (e potete notare l’avanzamento del personaggio dalla barra a sinistra), dovrebbe essere anche costituito dal raccoglimento del maggior numero di stelle possibili. Non siamo obbligati a farlo, naturalmente, ma costituisce comunque una sfida impegnativa che contribuisce di molto ad aumentare la longevità.

RedHead Redemption Recensione 10

Le stelle sono conquistabili raggiungendo tre obiettivi: arrivare alla fine del livello, giungere al termine dello stesso con tutte le vite (rappresentate dai ciucci) intatte (ciò non significa che non dobbiate subire alcun danno, poichè i ciucci sono recuperabili uccidendo uno zombie speciale, dotato di zainetto, che rilasci bonus random se ucciso) e raccogliere le 5 radio attaccate sulla schiena di altrettanti zombie corridori. Se la prima (e, in parte, la terza) sfida possono non essere troppo impegnative, vi assicuriamo che ci sono alcuni livelli, specialmente tra quelli a ridosso dell’ultimo, dedicato al boss finale, in cui sarà assai difficile mantenere la pelle intatta. Avremo comunque a nostra disposizione un arsenale composto da fucili a pompa, mitragliatrici e molto altro, senza contare i bonus come le bombe incendiarie, le bambole esplosive e le varie trappole disseminate lungo il percorso.

RedHead Redemption Recensione 7

Da notare, infine, la presenza quasi ovunque di meme tipici dello spirito 9GAG: zombie Trolol, Pedobear e chi più ne ha più ne metta!

DESIGN – 4.5

RedHead Redemption 11

Naturalmente la grafica può piacere o non piacere: da una parte infatti abbiamo un design fluido, fatto di contorni ondosi e di spesse righe di colore omogeneo, dall’altra uno stile che alcuni potrebbero considerare sciatto e poco definito. Sono questioni di gusti: a noi è piaciuto molto, soprattutto perchè si adatta completamente, ancora una volta, allo spirito 9GAG. L’unica pecca sono appunto i meme presenti nella schermata di caricamento all’inizio di ogni livello: sono davvero pochi, e tendono a ripetersi. Aggiungerne degli altri, siamo sicuri, non sarebbe un’impresa impossibile.

Un plauso alla colonna sonora, davvero molto orecchiabile e simpatica, che ricorda molto un vecchio sparatutto da sala giochi.

DISCREZIONE – 3

RedHead Redemption Recensione

Ancora una volta, non possiamo fare a meno di stupirci: per quale oscuro motivo RedHead Redemption avrà bisogno di conoscere il nostro registro chiamate? L’accesso alla posizione è giustificato dalla necessità di alcune ads di visualizzare annunci coerentemente con la lingua del nostro paese, ma continua a non piacerci.

AGGIORNAMENTI – 4.5

RedHead Redemption Recensione 5

Il team di 9GAG, in collaborazione con gli sviluppatori di Cute Kill, ha rilasciato nelle ultime settimane una lunga serie di aggiornamenti per sistemare alcuni bug del gioco. Ammirevole, ma continuiamo a riscontrarne alcuni che a lungo andare possono diventare seccanti, come la mancata ricarica dell’arma corpo-a-corpo.

INVADENZA – 5

RedHead Redemption Recensione 13

Non sappiamo esattamente di quali pubblicità parlino quelli della 9GAG in merito al permesso sulla geolocalizzazione: noi non abbiamo visto alcuna ads nel gioco!

CONCLUSIONE

RedHead Redemption Recensione 14

In linea generale, come dicevamo all’inizio, RedHead Redemption è sia un gioco dalle meccaniche classiche (il tema della fuga dagli zombie, la struttura a scorrimento verticale…), ma nello stesso tempo viene arricchito da quella componente umoristica che ne risolleva l’insieme, ricollocando un gioco, che altrimenti sarebbe risultato passabile, in un piano più alto e degno di considerazione. Già il titolo è di per sè una parodia (riprende il nome di un famoso videogioco per console, Red Dead Redemption), ma se a ciò ci aggiungiamo meme continui, una grafica scherzosa e simpatica, ed infine una frenesia che si tramuta in un alto tasso di difficoltà (che non muta in frustrazione, ricordiamolo, ma in maggior divertimento)… il successo è assicurato! Il tutto gratis!

Se questa Recensione vi è stata utile, e non volete perdervi nè le prossime nè gli altri articoli di AppElmo, allora potete iscrivervi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo email nel form qui in basso (tranquilli, vi assicuriamo che non vi invieremo spazzatura o spam; in caso contrario, vi saremmo immensamente grati se ci segnalaste il problema), oppure potete seguirci sulla nostra pagina Facebook, il nostro account Twitter e la nostra pagina Google Plus. Non mancate di farci sapere se utilizzate applicazioni alternative, scrivendo nella sezione dei commenti!

[wysija_form id=”3″]

RedHead Redemption su Google Play
Commenti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

//